Dicembre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recensione: Relax – Cineuropa

– Audrey Genstette prevede il primo avvincente lungometraggio che riconsidera in modo sottile e umano il caso e la battaglia legale dei cosiddetti “terroristi di Tarnac”

Questo articolo è disponibile in inglese.

“Trasformi ciascuna delle nostre amicizie in un contatto sospetto e immagini un’intera costellazione di criminali internazionali basata sulla vita che spieghi e segui da oltre dieci anni”. L’11 novembre 2008 tutte le prime pagine dei media francesi sono state esposte al caso di Tarnac, un piccolo villaggio nella regione francese di Courez dove l’operazione Taiga (150 gendarmi, polizia, due elicotteri e diverse telecamere) ha orchestrato l’arresto di nove persone. Individui presentati come membri dell’estrema sinistra anarchica, autonoma, accusati di legami con il terrorismo, sospettati di sabotare le linee del TGV, e forse molti altri (“Non è escluso che questo gruppo abbia contemplato azioni più violente, soprattutto contro le persone”). Arrestata Manon, sorella del regista e compagna del musicista Audrey Genstetteche ha deciso di dedicare il suo primo lungometraggio, molto attraente e meraviglioso, assoluzioneper questo numero, che ha avuto la sua prima mondiale a 44 Festival del Cinema del Reale.

(L’articolo continua di seguito – informazioni commerciali)

Alla vigilia dell’incombente finale giudiziario del marzo 2018, la regista ha scelto di insediarsi, dirigendosi verso Tarnac e la fattoria Gutaylux dove, dieci anni fa, i primi rapporti di sorveglianza della polizia indicavano che «vi sono una ventina di individui provenienti da diversi paesi europei Una forma sociale, le cui attività e andirivieni indicano una genuina volontà di agire in segreto, “parallelamente alla gestione collettiva di un negozio di alimentari, osteria, mensa, biblioteca, corsi di formazione e assistenza per richiedenti asilo, il tutto scandito dalla partecipazione a numerosi raduni “anti-globalizzazione”. Lì, Manon, Eldon e Benjamin, con il supporto di amici, si preparano per il processo finale (l’accusa di terrorismo è stata ritirata un anno fa e il caso è già stato parzialmente archiviato, lasciando le accuse di affiliazione criminale e reati minori), affilando dichiarazioni e provando i prossimi interrogatori. Una finta aula di tribunale su cui il film fa affidamento per svelare l’intero caso dal suo inizio, dagli archivi dei telegiornali (“In pochi giorni si gettarono le basi per una storia che sarebbe durata dieci anni”) ai ricordi di tutti fasi (interrogatori – “Al di là dei fatti di causa, l’idea politica che è stata attribuita all’imputato è stato colui che è stato aggredito” – rifiuto di prelevare campioni di DNA, rottura della solidarietà nel tempo, paura di fronte alla giustizia, amicizie interrotte, mariti e famiglie, centinaia di persone in entourage intercettate per anni, ecc.).

READ  Paopao, il caso del giovane studente universitario che capovolge la musica reggae

Insieme a assoluzione, Audrey Genstette registra l’intimo (nell’ambiente invernale foderato della campagna circostante) e il sottile (una sequenza finale che riunisce gli eroi un anno dopo la prova) di questa prova di resistenza e un gruppo di individui impegnati (principalmente donne sullo schermo ) che, nonostante tutto, hanno mantenuto la loro fede nella loro visione del mondo. L’intrigante film tesse una memoria comune di un viaggio che non è privo di dolore, ma si conclude con una vittoria che è attestata dal verdetto finale: “L’udienza ci ha sentito capire che il gruppo di Tarnac era una finzione”.

assoluzione Prodotto da Film Deuxieme Ligne che si occupano anche di vendite internazionali.