Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rete di organizzazioni chiede Haiti senza intervento

Come condiviso su Twitter da The People Forum, istituito a New York City, il gruppo esorta la comunità internazionale e i meccanismi di integrazione, in particolare i governi populisti e progressisti, a respingere i nuovi tentativi di occupazione in quella nazione caraibica.

Il testo sottolinea che “la soluzione ai problemi interni di Haiti deve essere incoraggiata dal popolo stesso, senza interferenze straniere e dando priorità alla sovranità, all’autodeterminazione e alla democrazia nel Paese”.

Port-au-Prince ha vissuto negli ultimi anni una crisi economica, politica e sociale, aggravata dall’assassinio del presidente Jovenel Moyes (1968-2021).

I gruppi armati sono cresciuti e ora si trovano in aree strategiche, dove il numero di rapimenti e uccisioni è in aumento.

Da metà settembre le mafie hanno anche bloccato la distribuzione del carburante, mettendo a repentaglio il funzionamento di servizi essenziali come cure mediche, depurazione delle acque e pubblica amministrazione.

I politici non raggiungono un accordo comune e di recente il primo ministro Ariel Henry ha chiesto il dispiegamento di forze internazionali per contenere l’azione delle bande, una decisione che gli esperti hanno ritenuto oltraggiosa e che ha incontrato la disapprovazione popolare.

È chiaro che stanno costruendo un’opinione pubblica per giustificare un intervento militare. Creare uno stato caotico e insostenibile della crisi umanitaria aiuta questo progetto, ha detto a Prensa Latina l’economista, analista politico e professoressa universitaria Camille Chalmers.

Secondo il messaggio dell’Assemblea popolare internazionale, quel Paese sta affrontando una possibile nuova occupazione militare simile a quanto accaduto tra il 2004 e il 2017 attraverso la Missione di stabilizzazione delle Nazioni Unite ad Haiti.

Tutto questo accade anche mentre almeno 37 persone in quel Paese sono morte di colera, un male che ha già raggiunto quattro dei 10 distretti del territorio, anche se il tasso più alto è ancora nella capitale.

READ  Video emozionante di Volodymyr Zelensky, 26 giorni dopo l'inizio dell'invasione russa

Il giorno prima, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che cerca di porre fine alle violenze ad Haiti imponendo sanzioni ai gruppi armati che destabilizzano il Paese.

jcm / cgc