Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Richard Carabas ha concluso il Giro de Italia come ‘Top 10’ nella cronometro | Altri giochi | Gli sport

Richard Carabas, che si appresta a conquistare un amaro secondo posto al Giro de Italia dopo l’attacco di sabato dell’australiano Jay Hindley, nuovo re della Corsa Rosa, ha concluso questa domenica un’ammirevole gara finale. 17, 4 km.

L’ecuadoriano è arrivato decimo con il tempo di 23:48, a una media di 43,9 km/h, battendo esperti come l’olandese Wilco Gelderman, che ha concluso 30° nella prova finale. Quindi non è solo un corridore di alta montagna, può combattere in questo aspetto.

La vittoria è andata al campione italiano a cronometro, Matteo Soprero (cambio bici).

Chopra ha fatto il test del tempo in 22:54 minuti, con una velocità media di 46,5 km/h. Il secondo posto è andato all’olandese Timon Arensman (Jumbo Wisma) in 23 secondi e un altro olandese sulla quarantina, Matthew van der Boyle (Phoenix of the Alps).

Carabas non ha potuto graffiare Hindley, che era al quindicesimo posto, per sette secondi.

“Un vero pilota. Richie non ha scelta. Potrebbe non essere quest’anno, ma puoi stare certo che @RichardCarapazM tornerà. Siamo così orgogliosi di pensare a te, Richie”, ha scritto il suo team Enios su Twitter, congratulandosi con lui dopo la cronometro.

“Questo è uno zero molto competitivo”, ha detto Corssen.

Hindley, che segue il colombiano Egan Bernal nel record Zero, sabato ha strappato la piattaforma di montagna nelle Dolomiti. Maglia Rosa per l’attuale campione olimpico e vincitore di Zero nel 2019.

Il giocatore australiano ha così potuto affrontare la prova finale su Carabas con uno scarto di 1 minuto e 25 secondi, sufficiente per controllare la situazione senza troppi problemi.

READ  "Introdotto in Italia"

Secondo Hindley, il successo di questo Zero ha un sapore di vendetta perché è stato secondo nell’edizione 2020. Maglia L’ultimo giorno ha visto come il rosa e il britannico Tao Geogen Hart lo avevano strappato in un test una tantum. (D)