Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Richard Carabas, “La vittoria di Zero D’Italia è già chiara”: Alberto Condor

Alla fine venne il giorno in cui gli aspiranti dovevano spennare Maglia rosa Richard Carabas di INEOS è stato messo alla prova e sono riusciti a scioglierlo. Il ciclista ecuadoriano Jay Hindley non poteva resistere da solo agli attacchi, ha avuto il sostegno della sua famiglia, ha scalato la tela in Marmolada. E anche con il rischio di perdere il secondo posto nella categoria generale con Michael Landa.

all’inizio, Il protagonista della fase di fuga. Piloti che sanno già cosa vuol dire essere lì, come Giulio Chicone o Alessandro Covey Hanno cercato di farsi stradaApprofittando del fatto che “non c’era molto interesse a prendere un volo da Peloton perché tutti pensavano alla classifica generale”, ha detto il membro del team Alberto Condador. “Settimana in viaggio”.

Ma quel giorno sembrava un record, e come è successo: “Cowie è andato in solitaria e in testa alla corsa era 14 km davanti alla Marmolada, anche se lo hanno tagliato un po’, è riuscito ad alzare le mani. Dopo un vero esibizione del pilota italiano”, ha osservato Condor.

Tuttavia, I responsabili dell’accensione di fuochi d’artificio in alta montagna appartenevano ai Bora per la strategia che adottavano. Hindley ha collaborato con il suo compagno di squadra Leonard Kamna e Richard Carabas ha seguito il volante e ha abbattuto Michael Landa.Ma allora “Hanno fatto un lavoro di serraggio e di serraggio, che ha portato il carapace a staccarsi dal gancio”, Ha commentato l’ex ciclista spagnolo.

Il sogno del pilota latinoamericano, però, è appena iniziato. All’inizio INEOS sembrava controllare le perdite, ma nell’ultimo chilometro si è placato, dove Bora ha pressato più forte, Landa lo ha persino superato e Hindley ha finalmente fatto una differenza di 1’28”. Imposta. “Forse ha avuto una brutta giornata, una crisi di fame perché questi sono i giorni che tengono il tuo corpo a portata di mano”, ha detto Condor.

Carabas non si è divertito a Marmalade ed è arrivato secondo sul palco perché era a pochi secondi dagli spagnoli. Tuttavia, per questo doppio vincitore del Grand Tour, le fasi finali sono una cronometro a Verona“Teoricamente a Caraba piaceva più di Landa, e abbiamo già visto che i corridori erano più ragionevoli e le forze erano più uguali”, ha assicurato Condor.

Allo stesso modo, per il relatore iberico, livello 21, 17 km a cronometro e avrà un porto di quattro chilometri con una pendenza del 5%Poiché questa sarà una giornata “tecnicamente priva di molti problemi”, potrebbero non essere apportate molte modifiche, Quindi in linea di principio le differenze tra Hindley, Carabas e Landa non cambiano molto.

Contatore però adesso Cosa dovrebbe succedere nella definizione dei ciclisti che potranno affrontare la tappa conclusiva di questo Zero de Italia e la 105a edizione di Zero de ItaliaLa verità è che il vincitore Maglia rosa E la Sensa Fine Cup, “è già chiaro”, ha concluso Contador.

Classifica generale del Giro de Italia 2022 dopo il livello 20

1. Jay Hindley (Bora-Hanscrohe) – 86:07:19

Due. Richard Carbas (INEOS Granatieri1’25 h

3. Michael Landa (Bahrain Victorius), 1′51

4. Vincenzo Nibali (Astana), 7′57

5. Bello Bilbao (Bahrain Victorius), a 8-55

6. John Hirt (Intermarzo), 9′07

7. Emmanuel Buchmann (Bora-Hanskrohe), 11′18

8. Dominico Posovivo (Intermarzo), 16′04

9. Juan Pedro Lopez (Trek), 17′29

10. Hugh Karthi (EF Education), a 17’56

12. Santiago Porto Rico (Bahrain Victorius), 23′25