Ottobre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riot Games ha accettato di pagare $ 100 milioni dopo la causa per pregiudizi di genere

Siot Games, lo studio dietro il franchise, League of Legends, ha accettato di pagare $ 100 milioni come parte di un accordo per completare un processo legale. nel 2018, Giochi antisommossa Ha ricevuto un’azione legale collettiva per discriminazione di genere Lavoratori. Secondo il documento legale, Melanie McCracken e Jess Negren, che hanno lavorato allo studio, hanno avviato un processo di class action a favore di tutti i dipendenti dell’azienda, al fine di promuovere e mantenere politiche incentrate sugli uomini. Dopo 3 anni, è stato raggiunto un accordo tra le due parti e lo studio ha pagato un milionario per compensare e pagare le spese legali.

Affare milionario di Riot Games

La lotta per l'uguaglianza continua nel settore

La lotta per l’uguaglianza continua nel settoreLos Angeles TimesGetty Images

$ 100 milioni dall’accordo sono in attesa dell’approvazione del tribunale per chiudere il caso. Questo importo sarà diviso in 80 milioni per i membri dell’azione collettiva e 20 milioni per le spese legali, come le spese legali e altre spese generali che potrebbero essere sorte dal processo. Non solo, ma oltre al compenso monetario, Riot Games ha accettato di avere una terza parte, approvata dal Dipartimento per l’occupazione e l’alloggio equo della California, per monitorare l’equità retributiva e preparare i rapporti interni per i prossimi tre anni.

Attraverso una dichiarazione ufficiale, l’avvocato dei querelanti Jenny Harrison ha dichiarato:

È un grande giorno per le donne di Riot Games e per le donne di tutte le aziende tecnologiche e di videogiochi, che meritano un posto di lavoro privo di molestie e discriminazioni. Apprezziamo l’introspezione di Riot e il suo lavoro dal 2018 per diventare un’azienda più diversificata e inclusiva, la sua volontà di assumersi la responsabilità per il suo passato e il suo impegno per una continua equità e uguaglianza nel futuro.

Jenny Harrison

Da parte sua, Josef Loveritovich, un rappresentante dei querelanti, ha affermato quanto segue:

“Sono onorata di rappresentare le donne resilienti a Riot Games e di aiutare a raggiungere questo accordo per loro conto. Ci auguriamo che le donne di tutto il mondo ne prendano nota e richiedano la giusta retribuzione e il trattamento a cui hanno diritto in base alla legge”.

Joseph M. Loveritowicz

Giochi antisommossa per donne

Giochi antisommossa per donne

Infine, Riot Games ha stabilito quanto segue:

“Speriamo che questo accordo riconosca adeguatamente coloro che hanno avuto esperienze negative con Riot e dimostri il nostro desiderio di dare l’esempio per portare maggiore responsabilità e uguaglianza all’industria del gioco”.

Giochi antisommossa