Settembre 28, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ripresa economica? Il 40,8% delle imprese è scomparso a giugno più di quanto non siano scomparse dopo il confinamento

Questa settimana, l’Istituto nazionale di statistica ha pubblicato i dati sulla creazione e lo scioglimento delle società per giugno. Nel dipartimento delle costruzioni, la situazione non è così grave poiché rispetto a giugno dello scorso anno, quando la Spagna era ancora soggetta a pignoramenti di case e chiusure forzate di attività per gran parte del mese, la creazione di imprese è cresciuta del 41,8%, una cifra non vista a giugno in un anno 2007. In totale 9.554 nuove imprese. Questo dato conferma solo che nell’ultimo anno e con il graduale e timido ritorno all’attività, avviare un’impresa è stata l’opzione che molti colpiti dalla disoccupazione hanno scelto per cercare di trovare il modo di generare reddito.

Con i progressi di anno in anno a giugno, sono state istituite catene aziendali Cinque mesi consecutivi di tassi positivi Dopo essere aumentati del 3,1% a febbraio, del 61,8% a marzo, di quasi il 300% ad aprile e del 152,4% a maggio.

L’intersezione delle statistiche nella distruzione delle aziende. È un dramma. Se il mese di giugno dello scorso anno è stato davvero disastroso per l’impatto della chiusura forzata delle aziende per la dichiarazione dello stato di allerta e per la mancanza di piani d’urto per l’assistenza diretta a quelle aziende che il governo è stato costretto a chiudere, a distanza di un anno assistiamo ancora a una forte distruzione di aziende che non smettono di sottolineare che la ripresa Quello che vende l’azienda esecutiva è ben lontano dalla potenza e dalla velocità che vanta.

Secondo i dati dell’Istituto Nazionale di Statistica, nel solo mese di giugno, il numero di imprese sciolte e sciolte direttamente ha raggiunto 1.570, in crescita del 40,8% rispetto allo stesso mese del 2020. Ciò significa che il tasso di distruzione delle imprese è quasi il uguale alla creazione.

READ  Arbitrum One viene lanciato ufficialmente sulla mainnet

Su base mensile (giugno vs maggio), la costituzione di società è in calo dello 0,2%Mentre lo scioglimento societario è diminuito dell’8,7%. In entrambi i lati, la maggior parte delle società commerciali sono state dedicato al commercio, dove sono state create il 20,2% delle società e il 20,9% di quelle sciolte.

Per formare 9.554 società costituite a giugno, 472,5 milioni di euro, in aumento del 20,2% che nello stesso mese del 2020, mentre il capitale medio sottoscritto, che ammontava a 49.458 euro, è diminuito del 15,3% nel tasso infrannuale.

Delle 1.570 aziende che hanno chiuso lo scorso giugno, il 78,3% lo ha fatto volontariamente, il 5,4% per fusioni con altre società e il restante 16,3% per altri motivi.

per questa parte, Il numero di società commerciali che hanno aumentato il proprio capitale è aumentato del 26%. Nel sesto mese dell’anno, in media tra i due anni, il numero delle imprese raggiunge quota 2.439. Il capitale sottoscritto di questi aumenti è stato prossimo a 1772 milioni di euro, il dato è superiore del 66,8% rispetto a giugno 2020, mentre il capitale medio è stato di 726.513 euro, con un incremento del 32,3% rispetto al tasso annuo.

Madrid e la Catalogna guidano la creazione di imprese

Comunità Autonome che hanno il maggior numero di Costituzione di società commerciali A giugno erano Madrid (2315), Catalogna (1857) e Andalusia (1674)Mentre le aziende con il minor numero di imprese sono La Rioja (39), Cantabria (75) e Navarra (82).

Presenza società commerciali sciolte, è stato quello che ha registrato il numero più alto a maggio Madrid (483), Andalusia (272), Catalogna (125). Al contrario, le regioni in cui sono scomparse meno imprese sono state Navarra (2), La Rioja (9) e Cantabria (19).

READ  In quale anno Jeff Bezos ha rimosso Carlos Slim dal rating miliardario?

A giugno, la creazione di imprese è aumentata a un ritmo annuale in tutte le comunità tranne l’EstremaduraÈ sceso del 18,1%. Gli aumenti più elevati corrispondono a Navarra (+74,5%), Isole Canarie (+67,7%), Aragona (+63,7%) e Castilla-La Mancha (+60,4%), mentre i più bassi si sono registrati nei Paesi Baschi (+17,5%). ) e Cantabria (+23 %).

Per quanto riguarda le società sciolte, solo le regioni di Navarra (-50%), Comunidad Valenciana (-2,7%) e Aragona (-2,3%) hanno registrato un calo interannuale nel mese di giugno. Gli scioglimenti delle società sono aumentati nel resto delle società, soprattutto in Castilla-La Mancha (+141,2%), La Rioja (+125%) e Murcia (+81,3%).