Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rivisitare l’attore che ci ha lasciato prima che si chiudesse il sipario (I)

Era uno degli attori più famosi della sua generazione, soprattutto per le sue esibizioni sul palco. Sebbene il suo temperamento, la sua moderazione gestuale e la sua voce acuta fossero usati per intimidire, la verità è che Alexis Díaz de Villegas era un uomo di vita gentile e introverso, che ha avuto il coraggio di assumere il personaggio più inaspettato ed evitare quei metodi che richiesto l’espressione emotiva verso l’esterno nelle scenette. In un certo modo, la costruzione del suo personaggio era molto fisica, a volte persino algebrica, e condensava nella sua voce l’energia urgente per salvare l’aura e la psicologia radicata che era incarnata in modo che il pubblico potesse valutare criticamente i propri eroi. Molto probabilmente, dare la priorità al tutto come rituale (e non a molte parti) ha ritardato i suoi confronti nel cinema e in televisione, a cui è salito più per il suo corpo che per le sue capacità davanti alla telecamera. Forse questi ritardi e la sua definitiva partenza ci hanno privato di potenziali creazioni, per le quali si stava preparando molto rapidamente. Era la sua scomparsa prematura e ci ha lasciato con un sapore pungente di ciò che non avrebbe potuto essere.

Alexis è nato a Santa Clara, il 7 dicembre 1966, anche se finì per essere naturalizzato a Comanagua, Cienfuegos, in un ambiente di evidente impulso artistico. Di fatto, è nipote del talentuoso scrittore Nestor Díaz de Villegas e anche parente dello scultore e ceramista Rafael Díaz de Villegas. L’adolescente irrequieta, che le persone a lui vicine hanno soprannominato Maja, per la sua natura sfuggente, si rivolge alla Casa della Cultura per controllare la sua timidezza e alcune complicazioni dovute alla sua consistenza rugosa e alle grandi borse sotto gli occhi. Il teatro gli insegna a mettersi in ridicolo e conquistare la simpatia del pubblico attraverso la recitazione, spesso accompagnato da José Armando Rodriguez, Lazaro e Miguel Pérez, con i quali ha partecipato a opere come i fratelli, che gode di una certa popolarità nel comune. Poi decide la professione teatrale e sostiene gli esami per l’Istituto Superiore d’Arte intorno al 1984, ma non li supera e sceglie la Scuola Nazionale Maestri d’Arte.

READ  Peret rivela la copertina, la data e il titolo del suo prossimo album | Musica
Alexis sul palco ad ostacoli.

Intorno al 1986, inizia la sua carriera come membro dell’irriverente Teatro degli ostacoli, nell’appartamento Calzada, tra il mi e il fa (secondo alcuni storici e teorici, il luogo in cui a Cuba è nata l’arte indipendente), e si distingue nel mitico quarta parete (1988), un’opera sperimentale scritta e diretta da Victor Varela. A proposito di questa esperienza, l’attore dice:

Gli stessi principi del corpo e della voce con cui ho lavorato all’epoca sono quelli che uso ancora oggi per creare i personaggi che incarno, anche se sono più nascosti e più sottili. Penso che anche nel teatro più realistico che ho fatto, non ho perso il senso del palcoscenico, del lavoro sull’equilibrio, del controllo del peso e della compensazione e del controllo dell’energia. La condizione di prestare corpo al personaggio, senso di sacrificio e rigore, anticonformismo.

Il gruppo, approvato nel 1991 dal Projects Act e con il supporto di Raquel Revuelta, occupa una nuova sede al piano terra della Loggia massonica Hijos de la Patria, ad Ayestarán e Aranguren, e ha potuto rivendicare tre condizioni: per regole o commissioni (non c’è tempo per creare), e non accettare che qualcuno al di fuori del gruppo (funzionari, critici o esperti) decida il programma del gruppo (autonomia tecnica); Allo stesso modo, hanno chiesto l’indipendenza strutturale, che tradisce la volontà di non sottomettersi a un sistema sindacale, come la Federazione o l’UNEAC. L’attore beve da questi credi, che all’epoca aveva capelli lunghi e ricci e appariva imponente Opera cieca (1991), la cui controversia l’ha portata al ritiro dal Festival del teatro dell’Avana. L’opera denota una sorta di messa in scena oltre il limite ultimo e territoriale, l’attaccamento alla performance e alla poesia sorto durante l’attività trascendentale dell’uomo e delle cose a cui si riferiscono gli esseri viventi. Indubbiamente, la storia può essere considerata una battaglia intergenerazionale.

READ  Ispirato da un caso reale? La serie arrabbiata su Netflix che è molto simile alla storia vera
Alexis in alcune delle opere del teatro Aqaba.

Con questo gruppo si è recato a Città del Messico nel 1991, grazie all’organizzazione quarta parete, che un tempo veniva presentato fuori concorso al Camaguey Theatre Festival del 1990, e che ancora sorprende per i suoi pericoli, non solo per la nudità degli attori, ma anche per il pubblico. Alexis impasta i principi della valeriana, dove il personaggio liberato deve essere sostituito dall’attore, e si risolve chiaramente in modo chiaro e coerente.Lo stesso Varela descrive l’ambiente di interessi sul suo sito web, nel 2021:

Rendendomi conto che la nudità in pubblico era un potente atto di invasione, ho fatto esercizi in modo che la nudità fosse reale, un atto di spogliarsi senza complessi. I commenti allegati erano: – Mamma, vieni al Miradera. Stanno per (scoparci) con i loro occhi. – Cosa avrebbe detto la madre di Barbarita Barrientos a Baracoa quando avesse scoperto di apparire nuda in una commedia?! – E sai già, misureranno le loro dimensioni e accanto a “Majá” non hanno possibilità. Ma questi commenti erano battute tipiche della nostra privacy esilarante e in un momento in cui la nudità a teatro era un tabù. I miei attori sono stati di prim’ordine, soprattutto perché si sono presentati perfettamente e si sono subito messi al lavoro per vedere come ognuno dissolveva il proprio rapporto con il corpo.

Nel processo, l’attore impara che i drammaturghi devono stabilire un legame con il pubblico e improvvisare per poter entrare nello spettacolo. Allo stesso tempo, prove di recinzioni e rimproveri, come dovresti essere coerente nell’arte e lanciarti contro i muri. Le note critiche hanno definito lo spettacolo proattivo e che la performance era “spiritosa”, ma la strada era in salita.

READ  Shakira condivide il video più tenero della guarigione di suo padre dopo una grave caduta

Valera lo guida in altri pezzi, come L’ex Sigismondo Marquez (1993), una sorta di rappresentazione simbolica dell’intimo essere umano nell’estetica del vuoto, come diceva Ileana Digges, e astronomia (1995), L’ex emozione sulle pareti di un naufragio, dove l’uomo si reinventa; Esibizioni chiare delle dottrine teoriche e pratiche del regista e dei suoi simboli non verbali, con notevoli influenze da Artaud e dal Teatro della crudeltà, Grotosvky e Maeterlinck, in cui l’attore ottiene un’adesione clamorosa e una presentazione del paesaggio. Alexis ha continuato in questo gruppo fino a quando Valera è partito per Buenos Aires, in Argentina.

Attore nel leggendario Quarto muro (1988).