LE STANZE DEI GIOCHI PROIBITI

le_stanze_dei_giochi_proibiti_400

Letteratura erotica, questa sconosciuta.
Ha da sempre rappresentato un tabù questa forma di lettura al punto che, in Italia, o non vi è un consumo elevato o vi è un acculturamento quasi clandestino.
Esce, dopo un lancio pubblicitario iniziale da parte della casa editrice Milena, un romanzo molto forte nei contenuti, diretto e provocatorio al punto giusto.
E’ il caso de ‘Le stanze dei giochi proibiti’, esordio letterario di questa autrice che, a tutt’oggi, preferisce mantenere la riservatezza sulla sua reale identità coprendosi con il nome artistico di Lisa Emme. Il romanzo ha già suscitato scalpore al punto tale che la casa editrice Milena ha inaugurato, con l’immissione sul mercato di questo testo, la collana di letteratura erotica.
La storia è questa.
Maria è una ragazza del Sud, dalla calda sensualità e dalle forme avvenenti.  Coltiva l’ambizione di realizzare il proprio percorso formativo, per uscire dalla realtà della sua provincia, ma la famiglia ostacola la realizzazione dei suoi desideri. La giovane resiste alle privazioni imposte, ma commette l’errore di cercare l’affetto mai ricevuto nelle persone sbagliate, restando ancor più insoddisfatta. Riesce infatti ad iscriversi all’università, convinta di essere finalmente libera, ma altre schiavitù peggiori l’attendono. L’incontro con Stefano, giovane siciliano pieno di fascino, le è fatale. Maria diviene succube della forte attrazione che la lega al ragazzo e del piacere profondo che riescono a raggiungere durante i loro rapporti sessuali. Non è tuttavia l’unica  a subire il fascino di Stefano. Maria si trova infatti a dover fronteggiare le corteggiatrici del suo amato, cosa che la porterà a soffrire e a mettere da parte i suoi doveri di studentessa. Scopre nuove forme di perversione, mette in atto elaborati giochi erotici, si spinge oltre il limite del proibito, per essere la più brava tra tutte a compiacere il suo uomo.
La storia, dunque, è infarcita di tutti quei miscugli intriganti che servono per dare forza e fantasia al pensiero erotico, spinto su quei canali in cui il racconto fornisce al lettore una continua molla di curiosità che tende a ‘bere’ tutto d’un fiato questa storia.
Narrazione di vicende descritte sotto gli accadimenti erotici che, però, non discostano la vita dei personaggi da quella che è la psicologia sociale ed individuale di chi è calato nella odierna civiltà e dove è reale l’introspezione di modelli umani fondati sull’individualità e sul ricorso al sesso come forma di distacco da ogni forma di condizionamento umano. Un sesso metabolizzato a dovere nella vita dei personaggi e modellato in delle personalità che si potrebbero definire, a tutti gli effetti, ‘borderline’ perché adattato ad un contesto odierno di società variegata in cui, i vizi privati, si amalgamano alla consuetudine tradizionale della vita quotidiana senza inficiare o compromettere le interattività comune.
Un romanzo, quindi, che parte dal sesso spinto, estremo, ma che conduce a riferimenti di natura sociologica precisi, che il lettore attento saprà seriamente cogliere per fornire all’autrice, i giusti spunti di domanda.
Pertanto, non rimane che immergersi in questa storia e fantasticare in questo andirivieni di emozioni continue ed altalenanti.
Per reperire il libro è possibile entrare nel sito internet della casa editrice Milena e leggere le librerie italiane fornite dall’editore, in alternativa è possibile acquistarlo on-line mediante sempre il sito della casa editrice o tramite agenzie di vendita presenti su internet ( ibs, amazon, ecc.).
Domenico Romeo