Spazio Domenico Romeo: “Antimafia sociale fra caporalato e sfruttamento”

FILI – Festival dell’Informazione Libera e dell’Impegno, è il festival organizzato da Libera Bologna e da Libera Informazione. Simbolo del festival – la cui terza edizione si svolgerà dal 28 novembre al 1° dicembre 2018 – è un gomitolo di fili, che vuole rappresentare un impegno che tenga conto dei tanti temi che è necessario approfondire e delle tante realtà con cui è necessario collaborare, un impegno che deve andare in profondità e far aprire gli occhi per una lotta alle mafie efficace. Temi centrali della terza edizione saranno il caporalato e lo sfruttamento lavorativo, sviluppati anche nel dossier a cura di Libera Bologna e Libera Informazione che verrà presentato all’interno del Festival. I temi verranno affrontati da diverse prospettive: un focus sarà sul caporalato emiliano, con un ragionamento che partirà da quanto sta emergendo dal Processo Aemilia per raccontare come si presenta sul nostro territorio un fenomeno che spesso viene associato solo alle campagne del Sud. Gli eventi del Festival si terranno alla Fattoria di Masaniello, al Nuovo Altro Spazio, al Cortile Cafè, al Mercato Sonato e a Baumhaus. Scopo del Festival è di promuovere la legalità democratica e l’antimafia sociale, tramite incontri nelle scuole, conferenze, tavole rotonde, spettacoli, presentazioni di libri, che si svolgeranno nelle tre giornate dalla mattina alla sera. Gli appuntamenti saranno, come ha detto Enza Rando, vicepresidente di Libera, “fili che si intrecciano e creano collegamenti. Conoscere e raccontare la mafia è una cosa di grande complessità: lotta alle mafie è andare dentro alle cose“.

Domenico Romeo