Spazio Domenico Romeo: “Cannabis e comunicazione distorsiva”

Al Festival della Cannabis di Milano è cessata l’affissione dei manifesti che ritraevano una foglia di cannabis con la scritta “Io non sono una droga”, come riferito dallo Iap, l’istituto di autodisciplina pubblicitaria, a seguito della nostra denuncia, sul claim utilizzato per promuovere e pubblicizzare in modo inaccettabile il festival “Hemp Fest”, in programma da oggi a Milano. Ma terminata la pubblicità, adesso preoccupano i minori che da oggi stanno entrando e visitando la Fiera della cannabis. Una pubblicità ingannevole che induce i minori a pensare che la cannabis sia legale e non nociva, vanificando tutti gli sforzi educativi miranti a dissuadere i nostri ragazzi dall’uso di stupefacenti. Su questo festival rimane comunque un elemento pericoloso e inaccettabile: l’accesso dei minori che stanno entrando alla fiera anche se accompagnati da un maggiorenne. Questa è la razio che ha spinto la nascita di una specifica petizione (il link https://www.citizengo.org/it/signit/170373/view) che in soli due giorni ha già raccolto oltre 12.000 firme. E’ stato chiesto l’intervento del Prefetto di Milano affinché intervenga disponendo urgenti misure restrittive finalizzate ad impedire del tutto l’accesso di minori a questa fiera veramente improponibile. Ricordiamo che la cannabis è classificata da tutta la comunità scientifica come una droga con effetti devastanti per gli utilizzatori. Occorre quindi, sviluppare azioni di contrasto, piuttosto che incentivarne il consumo.

Domenico Romeo