Spazio Domenico Romeo: “Comunicato dei Doctors ’95 Football Club”

Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato pervenuto dai Doctors ’95 Football Club, squadra di calcio amatoriale di Reggio Calabria.

“CAMPIONATO AMATORIALE CALCIO A 11 OVER 45 UISP REGGIO CALABRIA: LA VERGOGNA….SI VERGOGNA. E così accade. A pochi passi dalle nostre case, a pochi metri dai nostri occhi. Accade che una delle innumerevoli tragedie (dis)umane dei nostri tempi irrompa d’improvviso nella quotidianità. Accade in un tranquillo sabato pomeriggio, quando un gruppo storico di amici si prepara per giocare la partita del campionato amatoriale UISP over 45. Maglie, pantaloncini e calzettoni sono già stati mentalmente indossati, l’atmosfera è pregna di impegno e divertimento. Ma imprevedibile è sempre in agguato, con la capacità di sconvolgere i nostri orizzonti limitati. Scivola il gelo negli animi delle PERSONE che compongono la squadra dei Doctors ’95 Football Club: uno dei loro compagni subisce in modo funesto la perdita di un affetto molto vicino. Si scolora il blu delle divise, e il silenzio dell’incredulità avvolge l’allegra animosità con cui i Doctors affrontano da oltre 20 anni le sfide in campo. Non è difficile immaginare, comprendere e accogliere la scelta di questi UOMINI di stringersi al dolore incommensurabile del compagno. Una scelta che appartiene a coloro ai quali “il mestiere di vivere” lavora nelle ossa. Scelta che apparterrebbe anche alle alte sfere di questo sport, considerando che per motivi molto più futili gli incontri vengono annullati. Scelta non condivisa dal comitato territoriale UISP di Reggio Calabria. Nemmeno a dirlo. La partita viene data vinta alla squadra avversaria per 3-0 e il gruppo Doctors viene ulteriormente penalizzato con una sanzione economica e detrazione di punti in classifica. Questo gruppo non può fare a meno di notare la sportività e l’onestà del comitato che, pochi mesi fa, in occasione di un’altra tragedia, non ha esitato a rimandare l’incontro calcistico. Alla luce di questi scandalosi fatti, il gruppo Doctors all’unanimità ritiene sia ineluttabile – come, a volte, lo è il destino – la decisione di non concludere il campionato UISP, ma non prima di aver sentitamente ringraziato questo comitato per la sensibilità umana ampiamente dimostrata in questa circostanza. È doveroso anche fare un plauso e una menzione speciale alla squadra La Ringhiera e alla terna arbitrale, giacché anche loro si sono distinte per spirito sportivo, correttezza e umanità: la prima ad aver acquisito a tavolino il 3-0 e la seconda per aver contribuito allo svolgersi dei fatti, riconoscendo una squadra e non riconoscendo il diritto umanitario dell’altra di fermare ‘il carrozzone’ davanti al dramma umano. Se la storia insegna che lo sport ( e soprattutto gli sport di aggregazione) favorisce lo spirito di solidarietà tra ESSERI UMANI, evidentemente, ne concludiamo che, a Reggio Calabria, la storia non è mai passata. Il gruppo DOCTORS 95 FOOTBALL CLUB”.