Volo Cancellato? “Miracoli e miracolati: cronaca dei prodigi”

Affranta dalla concorrenza dei miracoli occorsi nella Nazione, indipendentemente dalla sua misericordiosa intercessione, la statua della Madonna, portata in processione a Vibo Valentia, si è disastrosamente frantumata.

La maggior parte dei prodigi soprannaturali si è infatti trasferita, dai luoghi nei quali, tradizionalmente, essi si verificavano, in altre realtà territoriali normalmente considerate insignificanti.

Prendiamo il caso delle buche sull’asfalto, tenacemente presenti sulle nostre strade: è bastato inserire dei tratti nel percorso del 100° Giro d’Italia, per vedere apparire, come per incanto, risorse, capacità e premurosa attenzione nell’attaparle.

Un’anziana signora, che, abitante ai margini del tracciato ciclistico, vedeva da anni una pericolosa voragine proprio davanti al suo portoncino, dopo essere scesa per strada e, esterrefatta, avere visto scomparso il decennale crepaccio, è caduta in ginocchio implorando altri concreti miracoli sulle sue dolorose giunture e malanni.

Altri esempi di miracolati si sono verificati in occasione dell’indizione di elezioni comunali. Soggetti che avevano passato buona parte della loro esistenza stravaccati al Bar dello Sport, discettando puntigliosamente sugli episodi salienti delle ricorrenti partite di calcio, si sono considerati pronti ad indicare le migliori strategie politiche per il rilancio economico, sociale e culturale del Comune di appartenenza. Non solo, ma, prodigio nel prodigio, hanno pure trovato una miriade di sfaccendati come loro disposti a sostenerli.

Naturalmente i portentosi avvenimenti hanno riguardato anche il livello nazionale. Un cascherino di pizzicagnolo, con fare da teppista gradasso, è stato elevato alla guida della Nazione, e, anche qui, magia nella magia, malgrado i disastri impiastricciati nella sua sconclusionata azione di governo, è stato reintegrato alla guida del maggior partito, insieme alla sua svenevole complice (messa a guardia del Consiglio dei Ministri).

Altro che Lourdes, con i suoi miracoletti a bagnomaria. Ha avuto ben donde la statua mariana a sbriciolarsi addolorata. Se avesse chiesto al Padreterno interventi di questa portata avrebbe ricevuto un deciso diniego: “E c’è un limite pure ai miracoli!”, avrebbe sentenziato l’Onnipotente.

Ora, tutto il mondo dei fedeli guarda all’Italia come terra promessa. Infatti, vedete come arrivano a frotte da tutto il continente africano? Qui tutto è possibile: altro che sogno americano, questa è la terra del quotidiano soprannaturale.

Maurizio Silenzi Viselli