Settembre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Russell Westbrook torna a casa: “È un sogno”

I Los Angeles Lakers sono sempre stati un sogno per Russell WestbrookÈ nato a Hawthorne, adiacente all’aeroporto internazionale di Los Angeles e vicino alle basi operative dei Lakers a Englewood e El Segundo. La scorsa notte, quel ragazzo ha realizzato quel sogno ed è stato presentato come un nuovo giocatore nella serie di Los Angeles.

“Essendo di Los Angeles, hai sempre desiderato poter giocare per la squadra di casa, e questo è sempre stato nella mia testa.. Forse un giorno me lo dirà. Poi sono tornato e ho pensato che non sarebbe successo”, ha spiegato il playmaker, il giocatore con più triple nella storia della NBA.

“E’ un sogno, non l’ho ancora realizzato”, La stella si riflette. “Sono cresciuto qui vicino e ho visto alcuni eroi in processione. Ho cercato di andare da tutti e mi mancava la scuola e tutto il resto. Essendo un fan dei Lakers e di Los Angeles, Questo chiude un cerchio per me”.

Westbrook arriva a Los Angeles dopo aver trascorso più di un decennio in Oklahoma City Thunder Allora gioca per Houston Rockets Los Washington Wizards Circondato da polemiche a causa del suo gioco, viene spesso descritto come single. giocatore lasciato Due anni di contratto e 91 milioni di dollari entrare.

Per legare, i Lakers hanno dovuto vendere mezza squadra e ora i rinforzi, per lo più veterani esperti, sono arrivati ​​in pochi decenni. Una conversazione con LeBron James, un amico di base, ha convinto Ross a fare una mossa.

“È stata un’opportunità per fare un passo audace che crediamo migliorerà le nostre possibilità di portare il 18esimo titolo a Los Angeles”, spiegato Rob Pelinka, Lakers, GM, sul commercio.

READ  Vuelta a España 2021: data, orari e canali per seguire la partenza della gara | Altri sport | Gli sport

Westbrook, Kobe Bryant amico, Ha condiviso l’onore che prova nel poter indossare la stessa maglia della leggenda di Los Angeles, e parla anche di come ha giocato al fianco di James: “Sono arrivato nella squadra del campionato e il mio lavoro era assicurarmi che le cose fossero facili per LeBron”.

Il giocatore, che indosserà il numero “0” a Los Angeles, ha sottolineato di essere molto felice di essere vicino alla sua famiglia a casa. Posso stare sempre con i miei figliVedo i miei genitori e mia moglie ogni giorno. È la cosa migliore che potessi chiedere, tornare a casa”.

Leggi anche