Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Russia e Ucraina concludono il terzo round di negoziati: “Ci auguriamo che la prossima volta si possa fare un passo avanti più sostanziale”

Foto: Sputnik.

Il terzo round di negoziati concordato tra le delegazioni russa e ucraina si è svolto lunedì nella regione della foresta di BelovegaAl confine tra Bielorussia e Polonia.

Dopo la conclusione dei negoziati, il capo della delegazione russa, Vladimir Medinsky, ha espresso la speranza che i corridoi umanitari inizino a funzionare da martedì.

Medinsky ha affermato che “è troppo presto per parlare di qualcosa di positivo”.

Ha ricordato che la delegazione russa ha raggiunto i negoziati con una serie di documenti e ha presentato “accordi concreti, progetti e proposte” e ha espresso la speranza di firmare “almeno un protocollo” sui punti sui quali le due parti hanno sostanzialmente raggiunto un accordo. “La parte ucraina ha portato a casa tutti i documenti per l’esame e non ha potuto firmare nulla subito. Hanno detto che torneremo su questo argomento, forse, durante il prossimo incontro.

Medinsky ha affermato che le aspettative della delegazione russa per l’incontro “non si sono avverate”. “Ci auguriamo che la prossima volta saremo in grado di fare un passo avanti più sostanziale”, ha sottolineato Medinsky, aggiungendo che i negoziati tra Russia e Ucraina continueranno.

Il 28 febbraio si è svolto il primo ciclo di negoziati, durante il quale Mosca e Kiev hanno individuato una serie di questioni prioritarie su cui sono state prese alcune decisioni.

Il secondo round si è svolto il 3 marzo ea seguito di questi colloqui Le due parti hanno concordato una serie di questioni umanitarie, tra cui la possibilità di un cessate il fuoco temporaneo per organizzare corridoi umanitari e la consegna di medicinali e generi alimentari nelle aree in cui i combattimenti si sono intensificati.

Secondo il consigliere presidenziale Vladimir Medinsky, a capo della delegazione russa, le delegazioni hanno discusso di questioni militari e umanitarie internazionali, nonché di quelle relative alla futura soluzione politica del conflitto.

Medinsky ha osservato che le posizioni dei due partiti sono chiare e che per alcuni di loro è stato possibile trovare un’intesa comune.

Da parte sua, il consigliere del capo dell’ufficio presidenziale ucraino, Mikhail Podolyak, ha indicato che la delegazione ucraina non ha ottenuto i risultati desiderati dopo il secondo round di negoziati con la Russia.

Tuttavia, sabato il ministero della Difesa russo ha denunciato che unità di nazionalisti ucraini non consentono alla popolazione civile locale e ai cittadini stranieri di lasciare le città di Mariupol e Volnovakia (regione del Donbass) attraverso i corridoi umanitari concordati.

Il capo del National Defense Administration Center, il colonnello Mikhail Mizintsev, ha spiegato che le rotte umanitarie quotidiane sono aperte in direzione di queste due città, così come nel caso di Kharkov e Sumy, ma i battaglioni nazionali impediscono categoricamente di lasciare i civili a Russia. Hanno riferito da Donetsk di essere riusciti a evacuare più di 300 civili da Mariupol e dintorni. Finora non è stata segnalata alcuna partenza di civili da Volnovakha.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina, in diretta | Zelensky chiede l'immediata cessazione delle ostilità nel Donbass | internazionale

Lunedì, le forze armate russe hanno annunciato un cessate il fuoco temporaneo a partire dalle 10:00 (ora locale) e l’apertura di corridoi umanitari in Ucraina, nelle città di Kiev, Mariupol, Kharkov e Sumy. Il provvedimento è stato preso in considerazione della catastrofica situazione umanitaria e del suo grave deterioramento nelle suddette città, e anche su richiesta personale del presidente francese Emmanuel Macron davanti al presidente russo Vladimir Putin.

Tuttavia, il vice primo ministro ucraino, Irina Vereshuk, ha criticato come inaccettabili i corridoi umani proposti dalla Russia per evacuare la popolazione civile.

Il ministro tedesco avverte di una possibile carenza di energia in caso di sospensione delle forniture russe

Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck. Foto: Getty Images.

Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha espresso preoccupazione per le forniture energetiche tedesche se le catene di approvvigionamento con la Russia, ad esempio nel caso del petrolio o del gas, fossero sospese a causa del conflitto militare in Ucraina.

Riusciremo a sopportare bene la primavera e l’estate, ma il prossimo inverno sono ancora un po’ preoccupato, Lo ha affermato in dichiarazioni al canale ZDF.

Il ministro, che sostiene l’eliminazione dell’energia atomica, ha detto che deve ancora studiare se mantenere in funzione le centrali nucleari sarebbe vantaggioso e ha detto: “Per quanto ne sappiamo, non è così”.

Ha sottolineato che l’uso del carbone non aiuterà, perché la Germania dipende dalle importazioni di questa materia prima.

Habeck ha dichiarato il 3 marzo che le sanzioni imposte dall’Occidente alla Russia dopo l’inizio dell’operazione militare speciale in Ucraina avrebbero colpito diverse aree dell’economia di Berlino.

Il ministro ha osservato che il Paese continuerà a dipendere dalle forniture energetiche russe almeno nel breve termine, quindi per il momento la strada per le importazioni di energia dalla Russia sarà lasciata aperta. In questo modo, ha sottolineato di non condividere la posizione di altre nazioni che sollecitano un embargo sull’energia della nazione eurasiatica.

Habeck ha anche avvertito che i consumatori dovrebbero essere preparati a prezzi dell’energia più elevati, anche se è improbabile che questo aumento sia permanente.

Gli stati baltici cercano il supporto della difesa dagli Stati Uniti e contro la dipendenza dal gas russo

I tre stati baltici stanno cercando di rafforzare la loro alleanza con gli Stati Uniti per porre fine alla dipendenza energetica della Russia, È una sfida non meno importante della difesa del fianco orientale della NATO, come dimostra la visita del Segretario di Stato americano, Anthony Blinken, in Lettonia e Lituania.

Il ministro degli Esteri lettone Edgard Rinkevix ha detto a Blinken che Washington dovrebbe fornire “più aiuto” per spezzare la dipendenza energetica della regione dalle forniture russe. Negli affari della difesa, ha aggiunto, Riga attende con impazienza un dispiegamento permanente delle forze alleate nel suo territorio.

READ  I leader mondiali chiedono un'accelerazione della vaccinazione contro il Covid-19 in Africa

Rinkevix ha affermato che gli Stati Uniti “potrebbero svolgere un ruolo chiave” nel ridurre significativamente questa dipendenza.

Il diplomatico lettone ha accennato ai rapporti secondo cui Washington era pronta a inviare gas naturale liquefatto nei paesi europei se la Russia avesse tagliato le forniture di gas all’Europa o vietato le sue importazioni di gas e petrolio per l’operazione militare speciale in Ucraina.

I due ministri degli esteri hanno discusso dello stazionamento permanente delle forze alleate negli stati baltici, ma non è stata presa alcuna decisione. Secondo Rinkevix, la questione potrebbe essere discussa al vertice della NATO a Madrid la prossima estate.

Blinken ha insistito, come aveva fatto nella sua precedente stazione in Lituania, sul fatto che la NATO ha notevolmente aumentato le sue forze nella regione. Ha ribadito, come ha fatto sabato in Polonia, che il suo paese ha impegnato 1 miliardo di dollari in aiuti militari e che il presidente Joe Biden sta pianificando un pacchetto fino a 10 miliardi di dollari in aiuti umanitari.

Il Segretario di Stato ha anche sottolineato che né gli Stati Uniti né la NATO sosterrebbero una no-fly zone sull’Ucraina, poiché ciò significherebbe rendere l’alleanza “parte” del conflitto. Ha elogiato ancora una volta la decisione della Lettonia di fornire all’Ucraina missili Stinger, armi anticarro e altro equipaggiamento militare, definendo gli stati baltici “un muro democratico contro la marea di autoritarismo russo”.

L’esercito della Repubblica popolare di Donetsk si impossessa degli insediamenti vicino a Zaporizhia

L’esercito della Repubblica popolare di Donetsk ha preso il controllo di tre insediamenti vicino al confine amministrativo con la regione ucraina di Zaporizhia, secondo il rappresentante ufficiale della milizia della Repubblica popolare di Donetsk, Eduard Basurin.

Mosca avverte di un aumento del prezzo del greggio a oltre 300 dollari al barile

Foto: EFE.

Il rifiuto del petrolio russo “avrà terribili conseguenze per il mercato mondiale”.Lo ha previsto lunedì il vice primo ministro russo Alexander Novak.

“L’aumento dei prezzi sarà inaspettato: più di 300 dollari al barile, se non di più”, ha detto a diversi giornalisti, riscuotendo TASS.

Come ha sottolineato “È impossibile sostituire rapidamente il volume del greggio russo sul mercato europeo”. Secondo Novak, un eventuale rifiuto “impiegherà più di un anno” e aumenterà il costo del petrolio per i consumatori europei.

“I politici europei dovrebbero onestamente avvertire i propri cittadini, ei consumatori, di ciò che li attende e che i prezzi della benzina, dell’elettricità e del riscaldamento aumenteranno drasticamente”, ha affermato Novak, sottolineando che “questo influenzerà altri mercati, compresi quelli americani”.

Allo stesso tempo, nota che La Russia può rispondere alla sospensione dell’approvazione del gasdotto Nord Stream 2 con l’interruzione del Nord Stream 1, “che ora opera a un livello massimo del 100%”.

READ  covid oggi | Sintomi, dati e vaccinazione di Omicron, in tempo reale

“Ma non abbiamo ancora preso questa decisione. Nessuno ne trarrà vantaggio. Anche se i politici europei ci stanno spingendo a farlo con le loro dichiarazioni e accuse contro la Russia”, ha detto Novak.

L’ONU insiste sulla protezione dei civili in Ucraina

Le entità delle Nazioni Unite insistono sulla protezione dei civili in Ucraina.

Molte entità delle Nazioni Unite oggi hanno insistito su questo La necessità di proteggere i civili in Ucraina ha richiesto l’istituzione di vari meccanismi per fornire assistenza a queste persone.

Come ha osservato il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite, Stephane Dujarric, per espandere le operazioni umanitarie in quella regione, è urgente un accesso sicuro e continuo a tutte le aree colpite dal conflitto.

Le persone nelle zone di combattimento hanno un disperato bisogno di cibo, acqua, riparo e articoli per la casaSoprattutto quelli bloccati nelle città che subiscono ostilità attive, ha detto il portavoce.

Non sono inoltre disponibili forniture chirurgiche e traumatologiche, medicinali essenziali, generatori di riserva e carburante per le strutture sanitarie.Ha aggiunto.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), Le ostilità in corso in molte regioni ucraine hanno gravemente colpito i civili.

Dujarric ha affermato che il team dell’OCHA è già a Mosca per trovare modi di ulteriore cooperazione e scambio di informazioni al fine di migliorare il coordinamento umanitario civile-militare e fornire assistenza salvavita alle persone vulnerabili in Ucraina.

Nel frattempo, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati lo ha affermato Più di 1,7 milioni di ucraini hanno attraversato i confini internazionali.

Da parte sua, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che alcuni degli attacchi hanno colpito strutture sanitarie, ambulanze e operatori sanitari.

Il Programma alimentare mondiale ha riferito che si sta preparando a distribuire razioni alimentari, pane e altri prodotti in luoghi come Kiev e Kharkov.

Allo stesso modo, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia distribuirà lotti di forniture umanitarie, compresi dispositivi di protezione per gli operatori sanitari e forniture mediche.

Il coordinatore della crisi delle Nazioni Unite in Ucraina, Amin Awad, ha annunciato sabato scorso il suo arrivo nella città di Lvov, situata nella parte occidentale del territorio ucraino, a circa 70 chilometri dal confine con la Polonia.

Durante il fine settimana, il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha insistito sull’urgenza di fermare i combattimenti in Ucraina e di consentire ai residenti di lasciare in sicurezza Mariupol, Kharkov, Sumy e altre aree di conflitto.

L’istituzione di questi corridoi umanitari è uno dei punti affrontati da Mosca e Kiev nelle tornate di negoziati tra di loro.

La Russia ha iniziato un’operazione militare in Ucraina il 24 febbraio, dopo che le autorità delle autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk hanno chiesto assistenza per respingere l’aggressione di Kiev.

(Con informazioni da RT ed EFE)