Ottobre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Russia e Ucraina confermano che al momento non ci sono trattative – Juventud Rebeldy

MOSCA, 12 settembre – “Al momento non stiamo valutando alcuna possibilità di trattativa. “Non ci sono precondizioni per questo”, ha affermato lunedì il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov dalla rete RBC. L’addetto stampa del Cremlino ha sottolineato che la Russia continuerà a svolgere le proprie operazioni fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi. “L’operazione militare speciale sta continuando e continuerà fino al raggiungimento degli obiettivi inizialmente fissati”, ha affermato.

Da parte sua, il presidente dell’Ucraina, Vladimir Zelensky, ha annunciato in un’intervista alla CNN di non essere pronto a negoziare con la Russia al momento. “Non vedo alcuna volontà da parte tua di essere costruttiva (…). Non parlerò con nessuno che emette ultimatum”, ha detto.

Allo stesso modo, il presidente ucraino ha denunciato gli accordi di Minsk come un “libro bianco”. Ha sottolineato: “Voglio che il mondo si renda conto che una cosa è una soluzione diplomatica e l’altra è Minsk…”.

Gli accordi di Minsk per risolvere la situazione nel Donbass sono stati firmati nel 2014 dalla Troika, che comprendeva rappresentanti di Ucraina, Russia e l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). A sua volta, Mosca ha più volte denunciato che Kiev non ha mai rispettato i termini degli accordi.

Telesur ha anche riferito che il segretario del Consiglio di sicurezza russo, Nikolai Patrushev, ha deplorato che gli Stati Uniti abbiano fornito dati all’Ucraina sull’ubicazione di strutture critiche situate presso la centrale nucleare di Zaporizhia, che vengono utilizzate dalle forze ucraine per bombardare la regione.

L’alto ufficiale militare russo, durante un incontro sui temi della sicurezza nazionale nel Distretto Federale Siberiano, ha sottolineato che gli attacchi alle strutture vengono effettuati con l’artiglieria pesante fornita dall’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e rappresentano un serio pericolo.

READ  Cuba e Vietnam riconoscono le loro eccellenti relazioni bilaterali

Patrushev, che prevedeva che gli effetti dei bombardamenti avrebbero potuto superare le tragedie causate dagli incidenti nucleari di Chernobyl, in Ucraina, nel 1986, e da Fukushima, in Giappone, nel 2011.

Oggi, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha annunciato progressi positivi dopo aver consultato Russia e Ucraina sulla possibilità di creare una zona di sicurezza attorno alla più grande centrale nucleare d’Europa.

Come riportato dal Direttore Generale dell’ente, Rafael Grossi, in una conferenza stampa in occasione del Consiglio dei Governatori delle Nazioni Unite, ha preso atto dei segnali delle parti che vi è un potenziale interesse a raggiungere un tale accordo.

“Abbiamo discusso di diverse caratteristiche tecniche. E quello che vedo è che le parti stanno collaborando con noi e facendo molte domande”, ha spiegato Grossi, che chiede a Russia e Ucraina di raggiungere un accordo per non intraprendere azioni militari contro la stazione e la sua perimetro.

In questo senso, si è anche scoperto che il portavoce del governo russo, Dmitry Peskok, ha sottolineato in una conferenza stampa che il suo Paese non aveva intenzione di ritirare le sue forze da Zaporizhia, ma piuttosto di costringere le forze ucraine a fermare i bombardamenti, che ha avuto conseguenze. disastroso.

Non si tratta del ritiro delle forze russe. Ora parliamo della cosa più importante. Si tratta di costringere la parte ucraina a fermare il suo barbaro bombardamento delle strutture sul territorio della stazione, che ha conseguenze molto gravi e catastrofiche”.

Il portavoce del governo russo ha anche esortato i paesi che colpiscono direttamente l’Ucraina a persuadere Kiev a fermare i bombardamenti e ha negato l’esistenza di sedi che porterebbero a negoziati tra i leader russi, Vladimir Putin, e l’ucraino Vladimir Zelensky.

READ  L'attività commerciale cinese è cresciuta di 9,4 punti nel periodo gennaio-giugno

La centrale nucleare di Zaporizhia si trova nel sud-est dell’Ucraina vicino alla città di Energodar, e dallo scorso marzo è controllata dall’esercito russo per prevenire la fuoriuscita di materiali nucleari e radioattivi.

Tuttavia, Telesur osserva che le forze ucraine stanno bombardando quotidianamente le strutture della fabbrica da alcune settimane.