Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sainsbury’s sale in borsa a causa di una possibile offerta di buyout dal Fondo Apollo | comp

Il mercato della distribuzione nel Regno Unito è stato scosso ieri dopo aver appreso che il Fondo americano Apollo stava seriamente valutando un’offerta, come ha rivelato Reuters nelle prime ore del mattino, per un importo di circa 8,2 miliardi di euro per il controllo di Sainsbury’s. , il secondo gruppo di distribuzione nel Regno Unito, dopo Tesco. La notizia ha innescato un rally senza precedenti nel prezzo delle azioni di Sainsbury’s, le cui azioni sono aumentate del 15,37% a £ 338 per azione, un livello che non si vedeva da marzo 2014.

L’interesse di Apollo è solo un’indicazione dell’appetito dei grandi gruppi di distribuzione americani di conquistare i concorrenti britannici in aree come la difesa, la salute e il commercio. L’ultimo esempio è Morrisons, la quarta catena di vendita al dettaglio del Regno Unito per volume, che ha ricevuto almeno due offerte da grandi gruppi statunitensi prima dell’estate. La cosa che sembra avere il vantaggio, anche se deve ancora ricevere una risposta definitiva, è quella specificamente offerta da Apollo, che di recente ha collaborato con un consorzio guidato dal gruppo di investimento Fortress per acquisire Morrisons per 7,36 miliardi di euro.

“Sainsbury’s è senza dubbio un obiettivo enorme per il capitale di rischio coinvolto nel trading con una società con oltre 8,5 miliardi di euro di asset. I supermercati stanno generando rendimenti difficili da trovare in altri settori”, ha affermato Neil Wilson, analista di Markets.com. Il fondo sovrano del Qatar è il principale azionista della catena di distribuzione, con il 15% dei diritti di voto, seguito da altri tre fondi: Vesa Equity Investment (con il 9,99%, di proprietà del miliardario ceco Daniel Kretinsky), Blackrock (6,40%). ) e Schroders (5,22%).

READ  Le principali società elettriche soffrono in borsa dopo il taglio dei loro profitti approvato dal governo | Economia

La catena di supermercati è stata coinvolta nella grande operazione della distribuzione britannica nel 2018, quando voleva fare con Asda, la filiale britannica di Walmart, che avrebbe superato nelle dimensioni di Tesco, n. 1 nel Regno Unito. Tuttavia, il processo è stato ostacolato dalla British Competition Authority, che ha posto il veto un anno dopo perché il sindacato avrebbe ridotto la concorrenza in tutto il paese e nei grandi comuni in cui era stato istituito. Nel tentativo di controbilanciare questo timore, i due gruppi hanno promesso di vendere da 150 a 200 negozi e di procedere con aggiustamenti di prezzo prossimi al miliardo di euro.