Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salari a rischio inflazione: in dodici mesi i salari sono aumentati leggermente di più del costo della vita

A settembre 2021, gli indici dei salari nominali (IR) e del costo del lavoro (ICMO) hanno registrato aumenti sui dodici mesi rispettivamente del 5,7% e del 6,2%. Lo riferisce l’Istituto nazionale di statistica (INE).

I dati contrastano con gli ultimi dati CPI che hanno mostrato l’1,2% mensile e hanno portato l’indice al 5,3% in dodici mesi. La situazione che ha allarmato la banca centrale, e quindi l’emittente ha adottato la misura rigorosa di un aumento dei tassi di interesse di 125 punti base per frenare la domanda.

“Il rally degli ultimi mesi è stato trasversale tra i diversi elementi che compongono il paniere dell’IPC, tenendo conto delle pressioni inflazionistiche sul lato della domanda e dei costi, nonché di un significativo deprezzamento del peso”, hanno affermato dalla BC.

L’Istituto Nazionale di Statistica conferma oggi che l’IR reale – che misura lo sviluppo salariale corretto per l’indice mensile dei prezzi al consumo (CPI) – è cresciuto solo dello 0,4% in dodici mesi, segnando il più piccolo aumento dall’agosto dello scorso anno e rispetto all’1,6% da il mese precedente. .

Rivela persino che ci sono settori con aumenti nominali inferiori all’aumento dell’IPC. Secondo l’ente statale, mentre i salari degli operatori sanitari e sociali sono aumentati del 4,8% nominalmente (-0,5% reale), i salari dei lavoratori del commercio sono aumentati del 4,7% in 12 mesi (-0,6% reale).

Nel caso della pubblica amministrazione si registra un aumento nominale dell’1,8%, il che significa una perdita di potere d’acquisto.

Altri settori saranno in procinto di risentire dell’inflazione, come l’industria manifatturiera, dove i salari sono cresciuti del 5,4% in un anno, e le attività immobiliari, che hanno registrato un aumento nominale del 5,5%.

READ  Arbitrum One viene lanciato ufficialmente sulla mainnet

Edilizia, commercio e produzione hanno registrato il tasso annuo positivo più elevato in entrambi gli indicatori.

L’Istituto Nazionale di Statistica ha anche confermato che la paga oraria regolare media era di $ 5.467. Per le donne, il valore era di $ 5,192 e per gli uomini, $ 5,704.

Il costo orario totale medio del lavoro è stato di $ 6.319, registrando una crescita del 6,8% in dodici mesi, a $ 5.982 per le donne e $ 6.613 per gli uomini.

Nel frattempo, il divario di genere nella retribuzione oraria regolare media era del -9,0%, mentre il divario nel costo del lavoro per ora totale era del -9,5%.

Infine, secondo il gruppo occupazionale, i professionisti hanno avuto il più alto impatto positivo su base annua in IR e ICMO, rispettivamente con 1.491 punti percentuali (r) e 1.517 pg, seguiti dai tecnici (1053 p.p. in IR e 1.128 p. ICMO ) e operatori manuali (0,695 pagine in IR e 0,889 pagine in ICMO).