Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salman Rushdie presenta un nuovo romanzo quattro mesi dopo l’attentato | mondo | Dott..

Quattro mesi dopo essere stato gravemente ferito in un attacco di coltello nel nord degli Stati Uniti, lo scrittore britannico Salman Rushdie ha rivelato lunedì (12.05.2022) sul The New Yorker un estratto dal suo prossimo romanzo.

Il New Yorker ha pubblicato online un estratto intitolato “A Bag of Seeds” dal quindicesimo romanzo di Rushdie, City of Victory, la cui pubblicazione è prevista per i primi di febbraio da Penguin Random House.

L’editore riferisce che il libro racconta la “storia epica” di una donna nel XIV secolo in quella che oggi fa parte dell’India.

Secondo il New Yorker, questo estratto sarà pubblicato nella sua edizione cartacea del 12 dicembre e sarà in vendita lunedì.

Rushdie, un britannico nato in India, ha confermato su Twitter che la rivista aveva pubblicato un estratto da Victory City. È la prima volta che l’autore pubblica qualcosa su Twitter dal 9 agosto, quando annunciò che il suo prossimo libro sarebbe uscito nel febbraio 2023.

Tre giorni dopo, il 12 agosto, mentre stava per parlare a una conferenza nello stato di New York (NE), un uomo è salito sul palco e lo ha pugnalato più volte al collo e allo stomaco.

È stato trasportato in elicottero all’ospedale e l’autore di The Satanic Verses ha dovuto essere messo su un ventilatore prima che le sue condizioni migliorassero. Da allora, ha perso la vista di un occhio e il movimento di una mano, tra le altre disastrose conseguenze.

Il principale sospettato, Hadi Matar, all’epoca un libanese-americano di 24 anni, è stato arrestato dopo gli eventi e si è dichiarato non colpevole al suo processo, iniziato a Mayville, New York, ad agosto.

READ  Il cambiamento che The Last of Us ha dovuto apportare al primo episodio è stato per volere di HBO

L’attacco ha scioccato l’Occidente, ma è stato elogiato dagli estremisti in paesi islamici come l’Iran e il Pakistan.

Lo scrittore, naturalizzato americano residente a New York da vent’anni, è perseguitato da 33 anni da una fatwa emessa dal supremo leader iraniano che lo condanna a morte.

Ma l’Iran ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’attacco a coltellate contro Rushdie.

gs (AFP, The New Yorker)