Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sanchez e Tragi hanno parlato dell'”ipotesi” per la posa di un gasdotto tra Barcellona e l’Italia.

Giovedì, il primo ministro italiano Mario Tragi ha confermato di essere in trattative con il presidente del governo Pedro Sanchez sulla creazione di un gasdotto sottomarino per trasportare il gas da Barcellona all’Italia. La Russia non dovrebbe dipendere troppo dal gas. Lo ha affermato nel corso di una conferenza stampa con i giornalisti a Roma, ma ha sottolineato che si tratta ancora di una “ipotesi da approfondire”.

Secondo l’ex presidente della Banca centrale europea, ha parlato con Sanchez del gasdotto durante l’incontro con i leader di Portogallo e Grecia per discutere di cooperazione energetica e all’ultimo Consiglio europeo di Bruxelles. “Gli investimenti e le infrastrutture necessari sono molto importanti e dovrebbero essere fatti tra i Paesi del Sud e i Paesi del Sud e del Nord. Un’ipotesi è il gasdotto tra Italia e Spagna. Ne abbiamo parlato con il presidente Sanchez”, ha detto il presidente del Consiglio italiano al giornale..

Il presidente del Consiglio italiano promette che i paesi mediterranei potrebbero essere l’hub per la logistica del gas

L’Italia sostiene il riavvio del gasdotto Midcat, ma è pronta a studiare questa alternativa per sfruttare l’enorme potenziale di rigassificazione della penisola iberica se la Francia lo blocca. Per questo Snam, la società del gas che gestisce più di 33.000 km di gasdotti in Italia, ha iniziato a preparare gli studi di prefattibilità tecnica per la realizzazione di questo nuovo gasdotto tra Spagna e Italia. Davanti Partenza dalla capitale catalana. Si tratta di un progetto molto precoce e la città italiana che collegherà il gasdotto non è ancora nota.

Dopo la crisi scatenata dalla guerra in Ucraina, le nazioni mediterranee si stanno rendendo conto che “oggi può essere il più importante hub logistico per il gas, ma soprattutto per l’idrogeno domani”, ha affermato Draghi. “Questo è qualcosa che può funzionare tra loro e allocare risorse dal Mediterraneo meridionale all’Europa settentrionale”, ha affermato.

READ  La Spagna esordisce con l'Italia nell'Europeo con una revisione (6-0)

Per saperne di più

Nel frattempo, SNAM ha già avviato i lavori per l’avvio di un ponte navale che fungerà da gasdotto virtuale per il trasporto del gas liquefatto dai giacimenti del porto di Barcellona all’impianto di ripristino di Panicaglia sul litorale ligure.

L’Italia ha fretta vista l’incertezza degli idrocarburi provenienti da Mosca, che rappresenta il 45% delle sue importazioni di gas. Un altro gasdotto allo studio è EastMed per la fornitura di gas naturale all’UE dal Mediterraneo orientale. Tuttavia, Draghi riconosce che si tratta di infrastrutture che richiederanno investimenti a lungo termine e non aiuteranno a risolvere l’attuale crisi. La Roma prevede di sostituire immediatamente il 30-40% dei prodotti russi, ma ritiene difficile sostituire il resto.