ASP CATANZARO: Mancuso, ospedale Soveria Mannelli sarà il centro Regionale per la lungo degenza e la riabilitazione

consegna-bilancia_400

centro-dialisi_elvira-falvo_gerardo-mancuso_400È seguito l’intervento del responsabile del reparto di Pediatria dr. Leonardo Sirianni che ha espresso gratitudine e un grazie sentito al sindaco di Cicala “che ha avuto la sensibilità di questo dono che per noi è veramente molto utile. Avevamo una bilancia che sentiva ormai il peso degli anni e quindi abbiamo deciso di cambiarla, grazie al sindaco di Cicala è stato possibile e quindi lo ringraziamo di cuore da parte mia da parte di tutto il personale del reparto che si dedica quotidianamente ad assistere i bambini. Un grazie al direttore generale perché ha dimostrato, nella ristrutturazione di questo reparto, la sensibilità che un manager deve avere nei confronti di un aspetto importante della sanità pubblica che è quello rivolto e dedicato ai bambini”. Chiaramente, ha aggiunto Sirianni, “i bambini rappresentano la fascia più esposta, più debole della collettività e per questo meritano di essere particolarmente attenzionati; debbo dire che in questa Azienda sanitaria la pediatria è stata attenzionata come si doveva e di questo dobbiamo rendere merito alla sensibilità e alla squisita gentilezza del direttore generale che ha voluto anche in questo territorio, in un momento così difficile economicamente per la sanità nazionale, mantenere un servizio fondamentale che è l’assistenza pediatrica”. Qui, ha proseguito Sirianni, “diamo assistenza ai bambini 24 ore su 24, garantendo il servizio a tutto il territorio del Reventino, che è abbastanza vasto dato che comprende circa 40mila abitanti, e noi siamo lieti di poter essere utili in questo senso ai bambini della nostra zona montana”.
Prima della cerimonia di consegna al reparto di Pediatria, il Direttore Generale Mancuso ha visitato il Centro Dialisi di Soveria Mannelli  dove, grazie alla volontà del Dg e alla professionalità e all’impegno della dottoressa Elvira Falvo, è stata da poco attivata la Cartella clinica digitale attraverso l’interfaccia diretta macchine di dialisi-letti-bilancia. L’adozione dei nuovi supporti informatici partirà nei prossimi giorni anche nella Dialisi di Lamezia Terme. “Vogliamo ringraziare il Direttore Generale – ha detto la Dr.ssa Falvo – perché ci ha supportato in tutto questo processo di rinnovamento e soprattutto di una tecnologia più avanzata che anche in un posto montano si riesce ad utilizzare ed a essere così integrati completamento con tutto il contesto. Avremo anche un’osmosi, che è la cosa più importante, che ci potrà fornire anche la possibilità di ampliamenti eventuali qualora saranno possibili. Un grazie che arriva anche dai pazienti, attraverso il loro  rappresentante Pasquale Scarmozzino dell’Aned, che ha voluto ringraziare il Dg Mancuso perché si è molto speso per il sostegno ai pazienti. Il salto qualitativo e culturale è l’attivazione della cartella clinica digitale e la tele dialisi: Soveria Mannelli è infatti il primo centro che utilizza queste strumentazioni in tutta la  Calabria. E questo grazie al Dg Mancuso”.
A breve questa innovazione sarà estesa a tutti i centri Dialisi della Provincia di Catanzaro. Tutto ciò permetterà di avere tutti i dati del paziente in formato elettronico, al fine di migliorare la qualità dell’offerta terapeutica al paziente, semplificandone la gestione. L’Asp di Catanzaro è la prima in Calabria a partire con la cartella clinica digitale e il monitoraggio informatizzato dei trattamenti dialitici. Questa è l’ennesima dimostrazione che l’ospedale di Soveria Mannelli è attenzionato dalla direzione generale dell’Asp e dalla Regione Calabria, nelle persone dei presidenti Scopelliti e Talarico, soprattutto per quanto riguarda il miglioramento dei servizi.
“Grazie alla riconversione messa in atto sul presidio ospedaliero di Soveria Mannelli in centro regionale di lungo degenza e riabilitazione – ha spiegato il direttore generale Mancuso – abbiamo evitato sicuramente il rischio di possibile chiusura del presidio, visto che dai Tavoli ministeriali chiedono di ridurre ancora il numero dei presidi ospedalieri in Calabria con la chiusura di altre 11 strutture. Questo per Soveria Mannelli non avverrà perché sarà l’unico centro della Regione Calabria che si occuperà della riabilitazione motoria, neurologica e cardiologica”.