Braccio di ferro tra Regione e Comune: davanti al TAR ci saranno Stasi e Speranza per il centro trasfusionale

La Regione s’è costituita in giudizio con l’avvocato Annapaola De Masi, mentre a presiedere la corte sarà Guido Salemi.
Sul dimezzamento del Centro trasfusionale lunedì scorso il ministro Beatrice Lorenzin non ha atto neanche un passo indietro: «I centri trasfusionali previsti in Calabria saranno tre, Catanzaro, Reggio e Cosenza». Lamezia è fuori dal giro, ha detto in sintesi il ministro mentre faceva un giro per il nosocomio cittadino, cercando però di tranquillizzare i lametini con una frase formale del tipo “verranno comunque garantiti i livelli d’assistenza“.
Dopo la visita elettorale della Lorenzin, dalla Regione è arrivata però un alro annuncio: ci sarà una nuova visita degli ispettori nel reparto il prossimo 3 dicembre. Quando si saprà con certezza chi è il nuovo governatore che sostituirà Giuseppe Scopelliti. A prescindere da chi sarà, nominerà probabilmente i nuovi direttori generali. Insomma, i connonati della Regione saranno in ogni caso diversi da quelli attuali. Il finale della vicenda è tutto da scrivere. (Gazzetta del Sud – V.le.)