Lamezia, Coordinamento 19 Sanità Marzo: “Approvati interventi edilizi anche per il Giovanni Paolo II, ma aspettiamo soprattutto effetti per l’emergenza Coronavirus”

LAMEZIA TERME – “Con la deliberazione n. 149 del 17 Marzo 2020 della Commissione straordinaria dell’A.S.P. di CZ, su proposta della Struttura Complessa Gestione tecnico patrimoniale, a firma dell’Arch. Nisticò, sono stati approvati interventi urgenti di edilizia sanitaria anche per il nostro Giovanni Paolo II.
Certo, in un momento così è difficile fare caso ad altre questioni oltre a quella dell’emergenza Covid-19 verso la quale la stragrande maggioranza delle forze sanitarie sono giustamente rivolte. A tal proposito ci auguriamo che i posti letto assegnati a Lamezia presto siano resi realmente attivi. Altri hanno già elogiato la neo Presidente della Giunta regionale per quanto da dedicare a Lamezia in merito, ma in realtà era sì stato previsto un Piano d’emergenza con interventi anche a favore del Presidio Ospedaliero di Lamezia Terme – che comprendevano questi i posti letto: 8 in Terapia intensiva/sub intensiva (dove sono arrivati i nuovi letti); 22 nella sezione Covid-19 e 6 nell’Area screening – ma fino a due giorni fa non sono ancora stati autorizzati dalla Regione Calabria.Stiamo continuamente sollecitando in tal senso gli organi preposti in Regione con i quali siamo continuamente in contatto: Lamezia deve avere subito gli strumenti per affrontare i casi, anche sospetti, che arrivano al nosocomio. Non possiamo servire solo da trasporto verso l’Hub di Catanzaro. Altri Spoke fanno già molto di più avendo le autorizzazioni necessarie.
Il momento è oggi ancora più preoccupante col primo caso positivo qui certificato, e più casi sospetti, ma invitiamo tutti a mantenere la calma (anche sui social) ed a RESTARE A CASA.
Viste le nuove possibilità di assunzioni, si destinino anche e soprattutto medici a Lamezia Terme. I primi esposti sono i medici e gli operatori in genere, non possiamo rischiare di avere carenza di questi, già al collasso come sappiamo.
Tornando ai lavori approvati, è stata dichiarata anche “l’immediata esecuzione della proposta”.
Anche nel senso in cui abbiamo spinto noi nelle scorse settimane, siamo contenti di leggere che saranno realizzati i lavori di risanamento conservativo dei locali al primo piano del vecchio ospedale di Lamezia Terme “da destinare a Neuropsichiatria infantile”. Tra i più importanti lavori, che speriamo possano essere “sottratti” alle spese di quei 20 mln di euro i quali continuiamo a ricordare, saranno poi effettuati l’adeguamento del Presidio Ospedaliero alle norme antincendio, di adeguamento dell’impianto elettrico all’ex ospedale civile su Colle Sant’Antonio, di adeguamento del blocco operatorio”.

Coordinamento Sanità 19 Marzo