OSPEDALE SOVERIA MANNELLI: niente tac e via la medicina legale. Il comitato Pro ospedale denuncia il progressivo depauperamento della struttura di montagna

ospedale-soveria-mannelli_400

Il comitato soveritano mette in discussione gli effetti doppi dell’Asp che «se da una parte si è a conoscenza con beneficio del dubbio che nell’atto aziendale prossimo sia stato inserito l’acquisto della Tac nuova per Soveria, dall’altra rimane forte l’appello ai vertici aziendali affinché nel contempo provvedano a sanare il servizio e renderlo fruibile a coloro che lo richiedono in questa zona montana».
Il secondo appello Maida lo lancia sul servizio di medicina legale della Saub: «Rileviamo l’ultimo provvedimento adottato dall’azienda, l’eliminazione del servizio di medicina legale alla Saub dentro il nosocomio soveritano. Un servizio che veniva svolto una volta a settimana ed era meta di decine di cittadini, intenti a risolvere le loro questioni burocratiche decisamente a minor prezzo. Ora, viene sottolineato, la medicina legale è stata spostata a Lamezia e lunedì scorso è stato l’ultimo giorno di quest’attività a Soveria. Qualcuno penserà the la spending review o i patti di stabilità siano sempre alla base di queste decisioni», osserva il comitato, «usate come alibi e giustificazioni a prescindere, ma a volte è talmente banale e rimediabile la soluzione che con l’intervento di tutti può essere sanata. Difatti per evadere le pratiche è necessario l’ausilio della connessione Internet, di un computer e di uno scanner, spesa ipotetica meno di mille euro. In pratica alla Saub, nel settore di medicina legale, mancano computer e scanner perchè l’Asp pare non abbia voglia di acquistarlo».
Antonello Maida: «Siamo alla frutta. Se questo è il problema, rilanciamo la cosa al direttore generale Gerardo Mancuso; siamo pronti a fare una sottoscrizione per l’acquisto dell’attrezzatura purché il servizio resti alla Saub di Soveria Mannelli. Risolto il problema? O magari l’aut aut ha altre ragioni?».
Il Presidente del comitato conclude: «Ci auguriamo che la banalità della soluzione dia spunti a qualcuno che ormai sembra aver smarrito la missione abbracciata tanti anni fa per fare del metodo ragionieristico la sola strada da seguire». (Gazzetta del Sud)