Ridimensionamento attività sanitarie ASP Catanzaro

cisl_-_fp

Si propone, pertanto, il potenziamento dei Servizi Ospedalieri e Territoriali di tutte le discipline mediche, chirurgiche e riabilitative, per offrire risposte di salute ai Cittadini ed alla popolazione calabrese in genere, che tra le beghe e le decisioni affrettate è sempre l’unica e la sola a farne le spese.
Inoltre, le OO.SS. attiveranno tutte le iniziative possibili, coinvolgendo tutti gli organi istituzionali che hanno a cuore le sorti della sanità, volte all’apertura di tavoli di discussione per la riorganizzazione delle attività in conformità alle esigenze del territorio ed ai servizi già presenti e necessari di potenziamento e mantenimento e non di chiusura.
Infine, le OO.SS. chiedono alle SS.LL. una riconsiderazione delle posizioni precostituite ed una rivisitazione della realtà sanitaria calabrese affinché, possano davvero determinarsi dei progetti basati sulla considerazione delle richieste dei Cittadini e dei suggerimenti che solo le professionalità operanti sul territorio possono dare.
Se tale appello non dovesse trovare un riscontro efficace, si continuerà l’agitazione nelle forme previste ed indicate fino a produrre, come extrema ratio, l’indizione di uno sciopero generale.
FP – CGIL (Bruno Talarico) – (Antonino Rappoccio)
CISL – FP (Luigi Tallarico) – (Salvatore Arcieri)
ANAAO (Filippo Larussa)   
AAROI (Giuseppe Stagliano)
CGIL – MEDICI           CISL –  MEDICI            FIALS MEDICI                     CIMO
(Ivan Potente)           (Nino Accorinti)         (Maurizio Cavalieri)         (Giuseppe Paone)