Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Santander mette in guardia sulla gravità delle misure di allentamento dei mutui in Spagna

MadridLa banca spagnola Santander ha avvertito martedì che le misure di allentamento dei mutui in Spagna potrebbero portare a maggiori accantonamenti per perdite su prestiti e un maggiore consumo di capitale.

Il governo spagnolo e le banche del paese hanno raggiunto un accordo lunedì sulle misure di agevolazione dei mutui, come l’estensione delle rate dei prestiti per oltre 1 milione di famiglie vulnerabili e aiuti per le famiglie della classe media.

Le misure previste fanno parte di un più ampio pacchetto di aiuti per allentare la pressione sul costo della vita.

“Alcune azioni influiscono sui titoli delle disposizioni perché non potrebbe essere diversamente, non appena si verifica un’estensione o un prolungamento, ci sono sempre elementi che incidono sulle disposizioni”, ha detto ai giornalisti l’amministratore delegato della banca, Jose Antonio Alvarez. Indipendentemente da un evento finanziario.

Alvarez ha affermato che anche piccoli cambiamenti nel modo in cui i mutui vengono rifinanziati o prorogati possono avere un impatto sul consumo di capitale relativo ai mutui ipotecari della banca.

Ha anche detto che la banca non ha ancora firmato l’accordo con il governo, anche se ha intenzione di farlo, pur avvertendo della possibilità di un aumento del costo del credito. Ha detto che alcuni aspetti tecnici, come come classificare i prestiti ai clienti, sono ancora in discussione.

Ha aggiunto che occorre prestare attenzione per garantire che le misure di sostegno non ostacolino l’accesso ai prestiti.

“Una volta che un cliente è stato classificato come ‘fase tre’ (un prestito ritenuto vulnerabile) a causa di alcuni di questi tecnicismi, ha un problema in futuro, ovvero che il cliente ha difficoltà a ottenere credito”, ha detto Alvarez ai giornalisti.

READ  Porsche Macan elettrica ritardata fino al 2024 e Porsche non è da biasimare - Notizie - Hybrids & Electrics