sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Sarà una settimana forte per il mercato forex! Pressione inflazionistica e problemi del settore bancario statunitense Inserito da FXMAG Spagna

©Reuters. Calendario macroeconomico: sarà una settimana forte per il mercato forex! Pressioni inflazionistiche e problemi del settore bancario statunitense

FXMAG Regno Unito – Non farti sorprendere dal mercato! Scopri le letture macroeconomiche che influenzeranno la volatilità del mercato valutario, i prezzi delle materie prime e le principali borse valori nei prossimi giorni.

  • Le principali letture macroeconomiche per la prossima settimana includono l’inflazione statunitense per febbraio (martedì, 13:30).
  • Mercoledì alle 10:00 Avremo anche i dati di febbraio sull’inflazione in Polonia (e il conto finale di gennaio).
  • Giovedì si terrà la riunione del Consiglio direttivo della Banca centrale europea, quando ci sarà un altro rialzo dei tassi di interesse nell’Eurozona

Una settimana caratterizzata dall’inflazione negli Stati Uniti e dall’interpretazione della reazione della Fed

Nella prossima settimana, i mercati si concentreranno principalmente sulle letture dell’inflazione negli Stati Uniti. Perché sono questi dati – insieme alle ultime letture del mercato del lavoro – che determineranno la decisione che il FOMC prenderà nella sua riunione di marzo. Un calo dell’inflazione più lento del previsto è un aumento quasi garantito dei tassi di interesse statunitensi di 50 punti base.

D’altra parte, le recenti segnalazioni di problemi con le banche della Silicon Valley potrebbero rallentare le mosse aggressive della Federal Reserve, temendo una possibile crisi di liquidità nel settore bancario statunitense. La riunione del FOMC di marzo si terrà mercoledì 22 marzo.

Le letture più importanti della prossima settimana saranno pubblicate martedì 14 marzo alle 12:00. 1:30 del pomeriggio. Il Bureau of Labor Statistics pubblicherà quindi i dati sull’inflazione core e sull’inflazione al consumo negli Stati Uniti per febbraio. Gli analisti prevedono che l’inflazione CPI aumenterà a febbraio al 6,1% su base annua e allo 0,4% rispetto al mese precedente. A gennaio, l’inflazione al consumo negli Stati Uniti si è attestata al 6,4% su base annua, un dato deludente al di sopra delle aspettative del mercato (6,2% su base annua), a indicare che la crescita dei prezzi non sta diminuendo così rapidamente come previsto.

READ  Nel 1921 proposero una "valuta garantita dall'energia" invece dell'oro

In termini di inflazione core (l’indice dei prezzi al consumo di base), cioè escludendo cibo, carburante ed energia, si è attestata al 5,6% anno su anno a gennaio, rispetto al 5,7% anno su anno a dicembre. La lettura di febbraio presuppone anche un calo dell’IPC core al 5,5% a/a (il consenso degli analisti è lo stesso di gennaio).

Mercoledì alle 13:30 avremo i dati PPI e Core PPI per febbraio. Gli analisti prevedono che l’inflazione dei produttori statunitensi rallenti ulteriormente al 5,5% anno su anno a febbraio dal 6% anno su anno a gennaio. Il tasso di crescita mensile atteso dell’indice dei prezzi alla produzione è dello 0,3% rispetto allo 0,7% su base mensile di gennaio. Per quanto riguarda l’inflazione core alla produzione (core producer price index), cioè senza tener conto dei prezzi alla produzione di alimentari ed energia, le attese degli analisti ipotizzano che la lettura per febbraio sia al 4,9% a/a, 0,4% a/a, rispetto al 5,4% a/a . si. /o 0,5% m/m a gennaio.

Allo stesso tempo (mercoledì 13:30 CET) riceveremo anche i dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti per febbraio. Le previsioni degli analisti ipotizzano un calo di -0,1% m/m rispetto a un aumento del 3% m/m a gennaio. Inoltre, i dati sulle vendite verranno pubblicati senza auto, nonché senza auto e carburante.

Giovedì alle 13:30 il Census Bureau rilascerà i dati del mercato immobiliare statunitense per febbraio. Gli analisti prevedono che il numero di concessioni edilizie per nuove abitazioni a febbraio raggiunga 1,340 milioni (rispetto a 1,339 milioni a gennaio). Per quanto riguarda il numero di operazioni edilizie, le attese degli analisti ipotizzano una lettura di 1,31 milioni a febbraio, rispetto a 1,309 milioni di gennaio.

Venerdì 17 marzo alle 14:15, avremo i dati sulla produzione industriale negli Stati Uniti per febbraio. Il consenso del mercato ipotizza un aumento dello 0,3% m/m (rispetto a una lettura dello 0% m/m di gennaio). In. Alle 15:00 verrà pubblicata la lettura di marzo dell’indice dell’Università del Michigan (che valuta la situazione economica dal punto di vista delle famiglie), insieme alle letture dell’inflazione a breve e lungo termine.

READ  I marchi cinesi sbarcano in Spagna

Riunione del consiglio direttivo della BCE di marzo: un altro aumento dei tassi nell’eurozona

Giovedì 16 marzo alle 14:15 conosceremo la decisione sui tassi di interesse nell’Eurozona dopo la riunione del Consiglio Direttivo della Banca Centrale Europea. Il mercato prevede, come precedentemente annunciato dai rappresentanti della Banca Centrale Europea, un altro rialzo dei tassi di 50 punti base. Ciò significa un aumento del tasso di deposito al 3% e del tasso di rifinanziamento al 3,50%. In. Alle 14:45 inizierà la conferenza stampa della presidente della BCE Christine Lagarde.

Picco dell’inflazione: sarà del 20% all’anno?

La prossima settimana, le letture macroeconomiche in Polonia si concentreranno sugli indicatori della dinamica dei prezzi. La lettura dell’inflazione per febbraio sarà interessante poiché sia ​​NBP che la maggior parte degli economisti e degli analisti prevedono che sarà il picco delle dinamiche di crescita dei prezzi per l’anno.

L’Ufficio centrale di statistica pubblicherà i dati sull’inflazione al consumo di febbraio (eccezionalmente insieme ai dati finali sull’inflazione di gennaio) mercoledì 15 marzo alle ore 12:00. 10:00 Le previsioni degli analisti ipotizzano una lettura dei prezzi al 18,7% su base annua, rispetto al 17,2% su base annua di gennaio e al 16,6% di dicembre dello scorso anno. Insieme alla lettura dell’inflazione di febbraio, verrà pubblicata anche la lettura finale dell’IPC di gennaio (secondo le stime, l’inflazione era del 17,2% a/a e del 2,4% m/m).

Giovedì alle 14:00 la Banca nazionale polacca pubblicherà anche i dati sull’inflazione core in Polonia. L’inflazione escludendo i prezzi di cibo, energia e carburante è una lettura importante dal nostro punto di vista perché, a differenza dell’inflazione al consumo, continua a crescere, raggiungendo nuovi massimi storici (le statistiche sono del 2003). La lettura stimata dell’IPC di base per gennaio è del 12% su base annua, rispetto all’11,5% di dicembre dello scorso anno. Quindi questo è un massimo storico. In caso contrario, NBP mostrerà i dati sull’inflazione core di febbraio, che già sappiamo stabiliranno un nuovo record.

READ  150 aziende in El Salvador stanno già accettando bitcoin attraverso il mercato di Krypton

Contestualmente, l’Ufficio centrale di statistica visualizzerà anche i dati della bilancia commerciale e dei conti correnti di gennaio.

Inflazione dell’Eurozona

La prossima settimana avremo anche una serie di dati definitivi sull’inflazione nell’UE e nell’Eurozona. Martedì 14 marzo avremo la lettura finale dell’inflazione spagnola per il mese di febbraio, la lettura stimata indica un’inflazione CPI al 6,1% su base annua e all’1% in prospettiva mensile. A gennaio, l’IPC della Spagna era del 5,9% su base annua. Per quanto riguarda l’Indice Armonizzato (IPCA), anche la sua lettura preliminare a febbraio era del 6,1%.

Mercoledì alle 8:45, riceveremo i dati finali sull’inflazione in Francia: la lettura stimata dell’IPC è stata del 6,2% su base annua (rispetto al 6% su base annua di gennaio), l’inflazione flash HICP a febbraio è stata del 7,2% su base annua. y in aumento del 7% su base annua a gennaio.

Giovedì alle 10:00 verrà pubblicata la lettura finale del CPI italiano di febbraio – il risultato preliminare è del 9,2% a/a rispetto allo stesso 10% a/a registrato a gennaio.

Il picco della prossima settimana in termini di letture dell’inflazione saranno i dati di venerdì dall’Eurozona. Il 17 marzo alle 11:00 Eurostat pubblicherà le letture finali dell’IPCA e dell’IPCA per i paesi dell’Eurozona e dell’UE. Le letture stimate hanno spinto il risultato dell’IPCA per febbraio all’8,5% anno su anno dall’8,6% anno su anno di gennaio. Nel caso dell’indice HICP core (Inflazione armonizzata esclusi i prezzi di generi alimentari, carburanti ed energia), la lettura preliminare indicava il 5,6% a/a rispetto al 5,3% a/a registrato a gennaio.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles