Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scende a Miami una gang cubana dedita al furto di carburante con carte di credito false

La polizia di Miami-Dade ha arrestato sei cubani che erano membri di una banda dedita a Furto di carte di credito e creazione di carte false Per acquistare carburante, poi rivenderlo.

Hanno usato un deposito di auto situato a 7601 NW e 26th Avenue per scaricare la benzina acquistata, che hanno trasportato in camioncini progettati illegalmente per immagazzinare dozzine e dozzine di galloni di carburante.

Il rapporto afferma che a un certo punto sono stati caricati 170 galloni in uno dei veicoli utilizzati per il trasporto di carburante, con una capacità di 26 galloni.

Un ampio rapporto di arresto – riportato dai giornali locali – indica che le indagini sono proseguite tra novembre 2020 e ottobre di quest’anno.

Gli arrestati sono: Leonardo Alonso, Esnaldo Garcia, Davies Hernandez, Arturo Oliveira, Andres Pedraia e Juan Diaz Garcia. Quest’ultimo è implicato anche in un altro caso simile.

Tre di loro sono comparsi giovedì davanti al tribunale di Miami-Dade. Nel caso del 34enne Alonso residente a Hialeah, il suo avvocato ha cercato di difenderlo, affermando di non aver trovato alcun motivo legale per il suo arresto, il giudice ha risposto che per lui era impossibile trasferire una tale quantità. di carburante senza essere a conoscenza della trama.

I detenuti devono dimostrare l’origine legale del denaro per pagare la cauzione e consegnare i loro passaporti.

Negli ultimi anni ce ne sono stati tanti Casi simili che coinvolgono cubani E non solo in Florida.

Nel maggio 2019, le forze dell’ordine dell’Arizona Hanno smantellato una banda criminale cubana, composto anche lui da sei membri, ha rubato centinaia di carte di credito presso distributori di benzina situati nell’area metropolitana di Phoenix, la capitale di quello stato.

READ  Il Parlamento delle Barbados approva la trasformazione del paese in una repubblica

In quel caso, gli imputati erano accusati di aver installato dispositivi raschietti Nelle stazioni di servizio per registrare i numeri delle carte di credito e di debito utilizzate per le transazioni finanziarie. Hanno scaricato dati utilizzando la tecnologia Bluetooth, hanno acquistato altri numeri rubati da terze parti e li hanno stampati su schede clonate. Poi, con carte false, hanno riempito serbatoi esterni installati in almeno sette camion.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto:

Come te, migliaia di cubani Leggono e supportano il giornalismo indipendente di CiberCuba. La nostra indipendenza editoriale inizia con la nostra indipendenza economica: nessuna organizzazione in nessun paese finanzia CiberCuba. Creiamo la nostra agenda, pubblichiamo le nostre opinioni e diamo voce a tutti i cubani senza influenze esterne.

Il nostro giornale fino ad oggi è stato finanziato solo da pubblicità e soldi privati, ma questo limita quello che possiamo fare. Per questo chiediamo il tuo aiuto. Il tuo contributo finanziario ci consentirà di svolgere più giornalismo investigativo e aumentare il numero di collaboratori che riportano da Al Jazeera, mantenendo la nostra indipendenza editoriale. Qualsiasi contributo, grande o piccolo che sia, sarà di grande valore per il nostro futuro. A partire da soli $ 5 e in appena un minuto del tuo tempo, puoi collaborare con CiberCuba. Grazie.

Contribuisci ora