domenica, Giugno 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Scienziati spagnoli hanno scoperto cosa sono questi “punti rossi” osservati dal telescopio James Webb

Un team internazionale di astrofisici ha scoperto che i misteriosi “punti rossi” osservati dal telescopio spaziale James Webb sono… Galassie nell’universo primordialeottime fabbriche per la produzione di polvere, il materiale che alla fine si fonderà e darà origine ai pianeti.

La scoperta, guidata dal Centro di Astrobiologia (CAB), CSIC-INTA, è stata pubblicata martedì sulla rivista Giornale astrofisicoCiò è reso possibile dal MIRI, l’unico strumento nel medio infrarosso del telescopio spaziale, che gli permette di osservare oggetti freddi, oggetti molto distanti – come le prime galassie – e oggetti oltre la polvere.

Nei suoi primi tre anni di operazioni scientifiche, Webb – una collaborazione internazionale tra ESA, NASA e Agenzia spaziale canadese lanciata a Natale 2021 – ha scoperto i cosiddetti Little Red Dots (LRD). “punti rossi”Come vengono chiamati in spagnolo.

Ora, grazie ai nuovi dati catturati dal MIRI, gli scienziati hanno scoperto che quei punti rossi sono le fabbriche di polvere più efficienti dell’universo primordiale, polvere che è molto diversa da quella che vediamo nelle galassie vicine e che ha una temperatura molto più alta, indicando una fonte di riscaldamento molto attiva come stelle molto piccole e massicce o buchi neri supermassicci.

“I piccoli punti rossi sono molto numerosi nell’universo molto giovane, quando aveva solo il 5% della sua età attuale, e sono molto rossi ma allo stesso tempo anche piuttosto blu, a seconda dell’intervallo spettrale che si guarda. “Sembra contraddittorio, ma in realtà non è così comune”, spiega. “Non sapevamo cose del genere prima che James Webb le scoprisse”. Pablo J. Perez Gonzalezricercatore del CAB e primo autore dell’articolo.

READ  Javier Aguirre dopo la salvezza con il Maiorca: "Non c'è spazio per rilassarsi"

Grandi quantità di polvere

In questo studio, il MIRI ha spiegato che i punti rossi contengono grandi quantità di polvere sotto forma di piccoli granelli contenenti carbonio. Questo suolo Fa molto caldo, non come la polvere che vediamo nelle galassie vicine, che è di circa -250 gradi Celsius.

“Le particelle di polvere nei punti rossi hanno temperature alte almeno quanto quelle delle nostre fornaci e possono raggiungere temperature di lava, appena al di sotto di quella necessaria per distruggere quei granelli di polvere”, spiega Pérez González. .

“Temperature così elevate potrebbero essere raggiunte se la polvere venisse riscaldata dall’enorme quantità di energia pompata dai buchi neri supermassicci nei suoi dintorni, dove il materiale si accumula e diventa quello che è noto come nuclei galattici attivi (AGN).” Jianwei Liuprofessore assistente di ricerca presso l’Università dell’Arizona e coautore dello studio.

Il team ritiene che l’origine della polvere e della fonte di calore sia dovuta alla presenza di A Un gran numero di stelle Molto, molto piccolo e blu, il che spiega anche i riflessi blu dei punti rossi.

“Queste stelle sono centinaia di volte più massicce del nostro Sole e hanno una vita molto breve, solo pochi milioni di anni invece dei 4,5 miliardi di anni in cui il nostro Sole è in circolazione e dei 4,5 miliardi di anni che continuerà a vivere queste stelle appena formate produrre enormi quantità di polvere”, ha detto Perez.

Considerati questi dati, il team pensa che potremmo vedere… Il primo grande evento di formazione stellare Alcune delle galassie più piccole conosciute.

“Ora sappiamo che la polvere veniva prodotta in grandi quantità nell’universo primordiale e alla fine si unirà per formare pianeti e forse la vita su di essi”, conclude Pérez González.

READ  Il Community Life Center, la Time Bank e il Civic Center hanno creato uno spazio per il cucito gratuito
Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles