Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scopri un buco nero dormiente fuori dalla nostra galassia

Il buchi neri di massa stellare Si formano quando le stelle massicce raggiungono la fine della loro vita e collassano sotto l’influenza della loro stessa gravità. in Sistema binario (un sistema di due stelle in orbita l’una rispetto all’altra), questo processo lascia un buco nero in orbita attorno a una stella compagna luminosa.

A volte questo tipo di buco nero rimane ‘Non attivo’, non emette i soliti livelli elevati di raggi X, che è il modo in cui vengono normalmente rilevati. Ora uno è stato trovato al di fuori della Via Lattea.

Un team internazionale di astronomi noto come ‘polizia del buco neroche ha confutato molte scoperte di questo tipo di oggetto, ha scoperto un buco nero di massa stellare inattivo nel Grande Nube di Magellano, la nostra galassia vicina. Inoltre, la stella che ha causato questo buco è scomparsa senza alcun segno di una forte esplosione, come pubblicato sulla rivista astronomia naturale.

Per la prima volta un buco nero di massa stellare inattivo, che non emette i consueti alti livelli di raggi X, è stato trovato al di fuori della Via Lattea, nella vicina Grande Nube di Magellano. E ad accompagnarlo c’è una stella blu

“Per la prima volta, il nostro team si è unito per annunciare piuttosto che smentire la scoperta di un buco nero; abbiamo identificato un ago in un pagliaio”, sottolinea l’autore principale, Tomer Shenarche ha iniziato a studiare alla KU Leuven (Belgio) e ora è Marie-Curie Fellow presso l’Università di Amsterdam (Paesi Bassi).

Sebbene siano stati proposti altri buchi neri candidati simili, il team afferma che questo è il primo buco nero inattivo di massa ad essere scoperto in modo inequivocabile al di fuori della nostra galassia. Fa parte di Sistema binario VFTS 243, è costituito da una calda stella blu 25 volte la massa del Sole e un buco nero, che è almeno nove volte la massa del Sole. La stella è circa 200.000 volte più grande del buco.

READ  La rivoluzione del ballo da sala è stata inserita nella Hall of Fame dei videogiochi

“È sorprendente che sappiamo a malapena dell’esistenza di questi buchi neri dormienti, dato quanto la comunità astronomica presume che siano comuni”, spiega il coautore, Paolo MarchantDa KU Lovanio. I buchi neri inerti sono particolarmente difficili da rilevare perché non interagiscono molto con l’ambiente circostante.

Il coautore aggiunge: “Per più di due anni abbiamo cercato questi tipi di sistemi binari di buchi neri”. Julia Bodensteineruna ricercatrice presso l’European Southern Observatory (ESO) in Germania, che è rimasta entusiasta quando ha appreso dei dati per VFTS 243, “che secondo me è il candidato più convincente segnalato fino ad oggi”.

Nella Nebulosa Tarantola

Per trovare questo sistema binario, coopera Cercato quasi 1000 stelle Enorme nella regione della Nebulosa Tarantola nella Grande Nube di Magellano, con particolare attenzione ai buchi neri che potrebbero essere compagni. È molto difficile identificare questi buchi neri, poiché ci sono molte possibilità alternative.

Lo studio si è concentrato sulla Nebulosa Tarantola, l’oggetto più importante della Grande Nube di Magellano, una galassia satellite della Via Lattea. / che è

“Come ricercatore che ha smentito l’esistenza di possibili buchi neri negli ultimi anni, ero molto scettico su questa scoperta”, conferma Schnaar. interrogato dal coautore Karim Al-Badri, dell’Harvard and Smithsonian Center for Astrophysics (USA), che Schnarer chiama “distruttore di buchi neri”. “Quando Tomer mi ha chiesto di rivedere le sue scoperte, avevo i miei dubbi. Ma non sono riuscito a trovare una spiegazione ragionevole per i dati che non includevano un buco nero”, spiega Al-Badri.

I risultati forniscono inoltre al team una visione unica dei processi di accompagnamento formazione di buchi neri. La comunità astronomica ritiene che un buco nero di massa stellare si formi con il collasso del nucleo di una massiccia stella morente, ma non è ancora chiaro se questo processo sia accompagnato o meno da una potente esplosione di supernova.

dice Şener, che ricorda che le prove per ‘questo Lo scenario del “collasso diretto”. Sono apparsi di recente, ma probabilmente il nostro studio fornisce una delle indicazioni più chiare; Ciò ha enormi implicazioni per l’origine delle fusioni di buchi neri nell’universo”.

Sei anni di osservazioni con VLT

Il buco nero in VFTS 243 è stato trovato utilizzando sei anni di osservazioni della Nebulosa Tarantola effettuate dallo strumento. fiamma (Spettrometro multielemento per array di fibre grandi, spettrografo multielemento per array di fibre grandi), installato in Telescopio molto grande (VLT) ESO in Cile.

Nonostante il soprannome di “polizia del buco nero”, il team incoraggia attivamente il controllo e la discussione con modelli alternativi e spera che il loro lavoro porti alla scoperta di altri buchi di massa stellare in orbita attorno a stelle massicce, migliaia dei quali sono attesi nella Via Lattea. La strada e tra le nuvole di Magellano.

Riferimento:

Tomer Shnar et al. “Buco nero a raggi X silenzioso Nato con un leggero calcio in un duo colossale all’interno della Grande Nube di Magellano. astronomia naturale2022.

diritti: Creative Commons.