Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scoprono un sistema planetario con tre super-Terre e due super-Terre

Un team scientifico internazionale guidato dall’Instituto de Astrofísica do Espaço (IA) in Portogallo e al quale partecipa l’Instituto de Astrofísica de Canarias (IAC) ha confermato, Cinque esopianeti scoperti nello stesso sistema planetarioDue di loro sono simili a Mercurio.

riguarda Un sistema con tre pianeti terrestri giganti e un Corano dei super-tempi intorno alla stella brillante HD 23472fa riferimento all’IAC in una dichiarazione, in cui la ricercatrice dell’Istituto di Astrofisica e Scienze Spaziali (IA) Susanna Barros, che ha guidato lo studio, ha indicato di voler monitorare questo sistema planetario per caratterizzare la formazione di pianeti minori.

In particolare, volevano studiare se l’esistenza dell’atmosfera potesse essere correlata all’evaporazione dei suoi strati esterni a causa dell’irradiazione della stella.

Ma hanno scoperto, “sorprendentemente”, che questo sistema consiste di tre super-Terre con una grande atmosfera e due corna giganti, che sono i pianeti più vicini alla stella, sottolinea.

I cinque pianeti di questo sistema, tre dei quali hanno una massa inferiore alla Terra, sono tra gli esopianeti più leggeri la cui massa è stata misurata con il metodo della velocità radiale.

Questa tecnologia rileva lievi differenze nella velocità della linea di vista di una stella a causa del movimento causato da un pianeta in orbita attorno ad essa.

Questa scoperta è stata resa possibile dall’alta risoluzione dello spettrometro ESPRESSO, installato sul Very Large Telescope (VLT), dell’European Southern Observatory (ESO), in Cile.

Come spiegato dall’IAC, la super-Terra e il super-Mercurio sono analoghi di una massa maggiore della Terra e di Mercurio in base alla loro composizione e differiscono in quanto la super-Terra ha un contenuto di ferro più elevato, specialmente nel suo nucleo.

READ  Alliance Française apre lo spazio Teatrando - El Sudcaliforniano

La dichiarazione aggiungeva che questi tipi di esopianeti sono molto rari, e infatti ne sono conosciuti solo otto, compresi i due appena scoperti. Mercurio è uno dei pianeti più densi del sistema solare e non si sa perché abbia un nucleo relativamente più grande e massiccio rispetto ai nuclei della Terra e di altri pianeti.

La credenza comune è che un oggetto di tali dimensioni abbia colpito il pianeta e rimosso gran parte della sua atmosfera originaria.

Un’altra teoria dice che poiché Mercurio è il pianeta più caldo, la sua temperatura più alta potrebbe aver evaporato parte del suo mantello. L’IAC spiega che scoprire altri pianeti densi, simili a Mercurio, attorno ad altre stelle è la chiave per comprendere la composizione di questo tipo di oggetto.

Aggiunge che la scoperta di due secoli di Mercurio precisamente nello stesso sistema planetario, invece di uno, fornisce agli scienziati un quadro rivelatore.

“Per la prima volta, utilizzando lo spettrometro ESPRESSO, abbiamo rilevato un sistema composto da due superossidi di Mercurio, che ci aiuta a capire come si sono formati questi pianeti”, afferma Alejandro Suárez, ricercatore IAC e coautore di questo studio.

“La possibilità di un impatto importante che si traduca in super-Hg è molto remota, quindi due impatti importanti nello stesso sistema sembrano improbabili”, afferma.

“Per capire come si sono formati questi due supersecoli, sarà necessario continuare a caratterizzare la formazione di questi pianeti”.commenta Junay Gonzalez, ricercatore IAC e coautore dello studio.

“Il futuro Extremely Large Telescope (ELT) e il suo spettrometro ad alta risoluzione di prima generazione, ANDES, forniranno per la prima volta la sensibilità e la risoluzione necessarie per sondare la composizione della sua superficie e dell’atmosfera potenziale, se ne ha una”, sottolinea .

READ  Il simulatore quantistico fa luce sull'universo primordiale

Per il team di ricerca, questo è solo il primo passo verso il loro obiettivo finale: trovare un’altra Terra.

La presenza dell’atmosfera ci permetterà di conoscere la formazione e l’evoluzione del sistema planetario e avrà anche implicazioni per l’abitabilità dei pianeti, e Barros conclude che vorrebbe estendere questo tipo di studio a pianeti di periodo più lungo che hanno più temperature favorevoli.

Sicuramente sei interessato a:

La NASA si scontra con successo con l’asteroide Dimorphos .DART navicella spaziale