Il non più glorioso Liceo Scientifico di Lamezia: lettera di denuncia del decadimento morale del Liceo Scientifico G. Galilei di Lamezia Terme

liceo-scientifico-galilei

Proprio per l’occasione tutti noi ci siamo prodigati nell’organizzazione di laboratori, gestiti interamente da noi stessi, che prendevano in esame le più svariate tematiche: dall’attualità all’economia, dalla matematica alla musica.
Ebbene, si era deciso di dare a questa iniziativa il nome di “Parliamo di…” e come date prefissate da Lunedì 2 Febbraio a Mercoledì 4 Febbraio 2015, perciò 3 giorni ai quali posso assicurare tutti noi studenti abbiamo dedicato tempo esforzi per garantirne la buona riuscita.
Riprendendo ora il filo del discorso, arrivato oggi ci viene comunicato che la nostra Preside, Prof.ssa Caterina Calabrese, ha deciso di punto in bianco di annullare per poi rinviare a data da destinarsi questa iniziativa, poiché secondo lei questa passerebbe come “settimana dello studente” (quella che i nostri padri chiamavano “Autogestione, occupazione” insomma, emblema del fannullismo più totale); ciò non ha fatto altro che suscitare un senso di frustrazione e disdegno, perché oltre ad andare ad annichilire quelli che sono stati i nostr isforzi, ciò ha causato anche un certo imbarazzo verso determinate persone che avrebbero abbandonato i propri impegni per venire nel nostro istituto, a discutere con noi studenti, e con le quali si è dovuto disdire di colpo senza motivazioni valide.

Esprimendo quelle che sono le mie considerazioni, posso dire che, da cosa ho visto io in questi 3 anni di gestione di questo dirigente, ne è uscito il bisogno di mettere in mostra il Liceo come istituzione e non come valorizzatore dei ragazzi che lo compongono, cercando di celare a voi organi di stampa determinati aspetti.

Quindi io mi chiedo:
– quanto vale l’opinione degli studenti?
– Quanto vale l’impegno di una persona senza potere decisionale?
– Quanto può andare avanti un sistema scolastico che non lascia spazio d’espressione agli studenti?