Tre studentesse del Liceo “Campanella” tra le vincitrici del concorso scolastico europeo del Movimento per la Vita

liceo_campanella_-_studentesse_a_strasburgo_400

“Nel realizzare i nostri elaborati – spiegano le studentesse – abbiamo riflettuto a 360° sul valore e sul ruolo della famiglia nello scenario europeo attuale. La famiglia non è un pretesto ideologico del passato, ma una realtà umana naturale tutelata sia dalla Costituzione Italiana sia dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea. Ci siamo rese conto dell’importanza che la famiglia riveste oggi come comunità nell’educare le nuove generazioni, nell’assistere gli anziani sostituendosi in molti casi allo Stato, nel farsi promotrice di vincoli di solidarietà e sussidiarietà nella società. Abbiamo avuto la possibilità, inoltre, di riflettere sulla famiglia come progetto di vita, come scelta che ciascuno deve compiere con senso di responsabilità e da portare fino in fondo”.
Promuovere i valori della vita e della famiglia è il dono più grande che come docenti possiamo fare alle nuove generazioni – dichiarano le docenti Maria Pileggi, Lucia Paola e Rosa Palazzo ricordando che – il nostro istituto ormai da tanti anni partecipa al concorso scolastico europeo del Movimento per la Vita ed è vicina ai temi promossi dal movimento. Crediamo che diffondere tra i giovani un’autentica cultura della vita, invitarli a scoprire la bellezza della vita vissuta come “dono d’amore” per gli altri, sia uno dei modi per contrastare le tante pericolose illusioni prospettate ai giovani dalla società dai oggi, dai media e da una cultura del provvisorio e dell’apparenza che non fa guardare oltre le soddisfazioni del momento. Nel nostro piccolo, vogliamo raccogliere l’invito di Giovanni Paolo II, oggi Santo, che sollecitava i giovani a rimuovere “le maschere che rendono falsa vita” e a investire su stessi, sulla propria intelligenza per fare della vita di ogni persona “un autentico e personale capolavoro”