Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Se pensi che investire in obbligazioni sia privo di rischi, ti sbagli: perché il reddito fisso non è altro che fisso | Affare

Ci sono più di 120 trilioni di dollari in gioco tra il debito pubblico degli stati, le obbligazioni e le obbligazioni delle società private o delle istituzioni pubbliche. È la dimensione del mercato globale del reddito fisso: vale più del valore combinato del PIL delle cinque maggiori economie mondiali. Mercato enorme nel 2022 Accumula il suo più grande declino negli ultimi 20 anni anno, dal 15% a oltre il 20% a seconda delle tipologie di obbligazioni e valute scelte.

Tuttavia, il debito, una risorsa più tranquilla per gli investitori rispetto alle azioni, negli ultimi mesi ha mostrato una tale vulnerabilità, sfiducia e volatilità da superare il passato. Fondo convenzionale (o anche negativo) La correlazione tra asset rischiosi – azioni – e asset a basso rischio – debito pubblico o obbligazioni è esplosa. Il reddito fisso e quello variabile ora vanno di pari passo nella loro caduta, colpiti dall’inflazione che non ha attirato molta attenzione dagli anni ’90. In risposta, il più rapido aumento dei tassi di interesse di recente. Di conseguenza, la paura di conquistare le economie, risultati aziendali peggiori e anche potenziali insolvenze del debito. Un cocktail “quasi micidiale” di obbligazioni di ogni tipo e termine che ha messo tutti nel posto sbagliato: dalle autorità monetarie ai gestori e agli investitori.

Si dice spesso che gli esperti di reddito fisso sono quelli che hanno il miglior controllo sullo scenario economico e che la loro visione del futuro è solitamente accurata. Ebbene, dopo aver consultato più di 20 professionisti, la verità è che le parole più frequenti sono: incertezza, volatilità, divergenza, fragilità e rischio. È anche vero che Stanno già parlando di rendimenti a reddito fisso – Va ricordato che in questo asset, la redditività degli asset si muove inversamente con i prezzi – a livelli interessanti e ritengono che ci siano opportunità nei titoli di stato, Ad alto rendimento (noti anche come obbligazioni spazzatura), obbligazioni fluttuanti e debito societario globale di alta qualità. Anche se la maggioranza ritiene che “domani potrebbero essercene di più” e questo perché ci sono ancora questioni di cui preoccuparsi.

READ  Factum rinnova la propria immagine per continuare a crescere nel settore della cybersecurity

Una delle chiavi per determinare il potenziale del reddito fisso è ciò che accadrà all’inflazione. Il dibattito è ancora aperto. Per alcuni analisti, ci sono ragioni per ritenere che i prezzi negli Stati Uniti abbiano raggiunto i livelli più alti. A suo avviso, i settori dell’economia sensibili ai tassi di interesse, come il settore immobiliare, si stanno deteriorando: le vendite di case sono diminuite di quasi il 24% e sono in calo da sette mesi consecutivi, inoltre i tassi dei mutui per le domande sono diminuiti del 38% — cresce la speranza di un raffreddamento dei costi delle abitazioni, che è uno dei driver principali dell’inflazione principale. Pertanto, le loro aspettative di una moderazione dei prezzi dei beni durevoli sono, a loro avviso, realistiche.

un fattore importante

Per gli altri esperti interpellati, l’inflazione continuerà a salire almeno per tutto il 2023, non solo a causa dei prezzi dell’energia, ma anche per l’incertezza sulle straordinarie perturbazioni che si verificano nella catena di approvvigionamento, nel mercato del lavoro e nella geopolitica. Soprattutto in Europa. Spiegano persino la Banca centrale europea, che è sempre Era un ottimista storico Nelle sue proiezioni sull’inflazione, ora prevede un tasso di inflazione del 5,5% per la zona euro nel 2023. Questo livello, a condizione che vengano prodotti accordi salariali moderati che impediscano l’inizio di una spirale dei prezzi. In ogni caso, gli analisti consultati ricordano che la storia ci insegna che ci vogliono diversi anni, una volta superata la soglia del 5%, perché l’inflazione torni al livello del 2%.

I tassi di interesse si muovono strettamente con i prezzi. Verso la moderazione degli aumenti? Dopo i recenti aumenti dei tassi di interesse di 75 punti base sia da parte della Federal Reserve statunitense (Fed) che della Banca centrale europea (BCE), questi sono passati da un livello vicino allo 0 al 4% e al 2% rispettivamente. Molti gestori concordano sul fatto che la Fed inizierà a ridurre gli aumenti, di altri 50 punti base a dicembre, e poi si fermerà per valutare il loro impatto cumulativo. Un anno fa, la prospettiva di un aumento di 50 punti base sarebbe stata uno shock. Oggi qualsiasi cosa al di sotto dei 75 punti base è una buona notizia”, ​​afferma uno degli esperti consultati. Non tutti sono relativamente ottimisti e aggressivi, nel caso degli Stati Uniti, tassi superiori al 5% nel 2023.

READ  Il prezzo di XRP può raggiungere $ 6, a condizione che queste condizioni siano soddisfatte

Per l’Europa, le prospettive sono un po’ diverse. Tra i consultati, la maggioranza ritiene che i tassi di interesse aumenteranno di altri 75 punti base il prossimo dicembre, e che nel corso del 2023 potrebbero essere al 3% nel caso più ottimistico e raggiungere almeno il 4%.

La giustificazione di questo o quel livello si basa, nel primo caso, sull’impatto negativo di questi aumenti sulla crescita economica, e nel secondo caso, sulla crescente divergenza tra politica monetaria e politica fiscale nell’eurozona. In quest’ultimo caso si fa riferimento agli aiuti approvati dai governi a imprese e famiglie per cercare di alleviare il loro impoverimento dovuto alla crisi energetica. A suo avviso, sarebbero finanziati con più debito, il che potrebbe portare a una perdita di fiducia nella solvibilità del Paese (con conseguente indebolimento della valuta e aumento dei premi di rischio) e nella capacità della banca centrale di combattere efficacemente l’inflazione.

Con questo scenario di inflazione e tassi di interesse sul tavolo, la grande incognita è l’evoluzione dello scenario economico, e la gravità del prossimo deterioramento della crescita, che si tratti di una profonda recessione o di una recessione tecnica. Tutto indica rischi estremamente elevati di recessione in Europa e una crescita molto debole negli Stati Uniti, nella migliore delle ipotesi. Per molti analisti, “il peggio deve ancora venire”.

In termini di risultati aziendali, per il momento, i tassi di crescita degli utili sono rimasti sostenuti, anche se alcuni manager sottolineano che l’inflazione sta contribuendo a sostenere i volumi di vendita, anche se i volumi sono effettivamente in calo.

Per quanto riguarda l’indebitamento delle imprese, sono relativamente ottimisti. Come spiegano, i fondamentali ei bilanci delle società rimangono intatti, dal momento che si sono rifinanziati a livelli di rendimento inferiori e/o hanno allungato la scadenza media del debito.

READ  Stephanie Sutton (Artemis): "Abbiamo ancora alcuni mesi difficili nel settore delle piccole imprese".

Per alcuni analisti, il rischio di default è sopravvalutato, con livelli di sconto di mercato compresi tra l’8% e il 9% quando lo scenario base previsto da Moody’s è compreso tra il 3% e il 3,5%, o, al contrario, da alcuni. società di intermediazione, del 4% a fine 2023. È vero che più di un analista vede maggiore solidità negli esportatori americani che in quelli europei.

paese mattutino

Svegliati con l’analisi di oggi di Port Berna Gonzalez

ricevuto