Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sebbene circa tre milioni di persone di età inferiore ai 60 anni abbiano completato la vaccinazione, più di due milioni di persone anziane stanno ancora aspettando la dose 2 di Sputnik V.

In Argentina, 6.647.911 persone stanno aspettando l’utilizzo del secondo componente dello Sputnik V.Quando il mondo ha bisogno accidentalmente di due dosi – e si parla persino di una terza – per affrontare la minaccia della variazione delta. Di quei 6,6 milioni di argentini, 4.185.402 -63% – piano scaduto, Poiché ha rispettato l’intervallo di 56 giorni stabilito dal Ministero della Salute della nazione il 1 luglio, ha deciso di abbandonare la strategia di dare la priorità all’uso della dose per un numero maggiore di persone.

Ma la cosa di cui preoccuparsi è Più della metà di coloro che sono già scaduti – 2.268.045 – ha più di 60 anni. All’inizio del programma di vaccinazione era un settore prioritario, nel Paese era disponibile solo lo Sputnik V ed è praticamente arrivato il componente uno.

A sua volta, questo settore degli anziani è più vulnerabile alla mortalità a causa della loro età e della probabilità di avere comorbidità. Le statistiche lo dicono chiaramente: Il 79% di tutti i decessi dall’insorgenza della malattia rientra in quella fascia di età.

Questa informazione non è stata ignorata dal Ministero della Salute o dal governo nazionale responsabile di Carla Vizotti. Chi aspetta da tre a quattro mesi il secondo componente dello Sputnik V saprà che si tratta di un’affermazione fatta dall’opposizione stessa. L’accordo con i russi non è stato rispettato e l’amministrazione Alberto Fernandez non sembra avere molte alternative legali o igieniche di fronte a questo cambiamento.

Finora sono arrivate in Argentina un totale di 11.868.830 dosi del vaccino russo: Il primo componente è 9.375.670 e il secondo è 2.493.160. Ciò significa che per ogni prime quattro dosi ne arrivava solo una su due.. L’ultima spedizione di 550.000 è arrivata il 12 luglio e non ci sono ancora informazioni sulla data di arrivo del nuovo pacchetto della seconda dose del vaccino russo.

READ  L'ex esercito colombiano ad Haiti Il primo ministro Claude Joseph sul crimine del presidente Moss: rivelati nuovi dettagli

Il contratto originario prevedeva 10 milioni di trattamenti covit 19 – una dose di 20 milioni di primo e secondo componente – che è stato successivamente ampliato a un totale di 30 milioni di dosi. Poiché questo è confidenziale, ci sono solo speculazioni sul fatto che si aspetti un permesso se la Russia non rispetta l’accordo o decide di inviare più di una dose del componente due.

L’assenza di un secondo componente di Sputnik V ha creato una situazione senza logica sanitaria: 2.647.099 persone di età inferiore ai 60 anni che hanno ricevuto AstraZeneca o Sinopharm hanno già due dosi perché la disponibilità di questi vaccini ha permesso alla generazione più giovane di progredire vaccinando, mentre l’adulto di 2.343.367 anni non ha potuto completare la vaccinazione con Sputnik V.

Il ritardo nella produzione è stato riconosciuto dal governo Vladimir Putin e ha generato una lettera di reclamo da parte del consigliere presidenziale Cecilia Nicolini. Per far fronte a questa situazione, che complica il governo e preoccupa un settore vitale della popolazione, il Ministero della Salute nazionale e diverse altre province hanno avviato esperimenti per collegare lo Sputnik V con Astrogeneka e Synoform.

I primi risultati saranno presentati mercoledì dal ministro Vijotti. Composizione dei vaccini contro il virus corona Questa è un’alternativa per molti paesi per vaccinare le loro popolazioni di fronte a un approccio difficile ai prodotti prodotti da vari laboratori. Se l’efficacia attesa viene confermata, coloro che ricevono la prima dose della formula russa possono scegliere di completare il proprio programma di vaccinazioni o attendere la dose di Sputnik V componente 2.

In questo contesto, qual è la buona notizia conosciuta ieri? Il produttore russo del laboratorio argentino Sputnik V Richmond ha approvato la produzione di oltre 3 milioni di dosi della seconda parte. Sarà disponibile questo mese.

READ  Un'altra città italiana vende case per oltre $ 1

Vaccino per chi ha meno di 60 anni

Secondo l’analisi Unità dati InfopeAll’interno del gruppo di età inferiore ai 60 anni, 7.429.295 persone hanno ricevuto la prima dose Astrazeneca Il secondo è 876.343, con 6.552.952 (88%) che completano il vaccino con il vaccino sviluppato dal laboratorio anglo-svedese in collaborazione con l’Università di Oxford.

Per quanto riguarda l’applicazione sinoform Di quelli sotto i 60 anni, 6.135.153 l’hanno ricevuto, di cui 1.770.756 hanno avuto una seconda dose, quindi il 71% delle persone nel paese prevede di completare il programma di vaccinazione con la formula cinese.

Tasso di vaccinazione: accelerare la seconda dose

Negli ultimi quattordici giorni, il tasso di vaccinazione della seconda dose è stato accelerato a scapito della prima dose.

La media giornaliera della prima dose è inferiore del 29% rispetto alla settimana precedente. Nell’ultima settimana è stata somministrata una media di 177.319 al giorno, rispetto alla dose giornaliera di 250.625 della settimana precedente.

Questo non accade nella seconda dose. Negli ultimi 7 giorni, sono state somministrate in media 174.895 seconde dosi giornaliere. Ha registrato una media di 92.968 secondi di volumi giornalieri nella settimana precedente, indicando un aumento dell’88% negli ultimi 7 giorni rispetto alla settimana precedente.

Finora e ieri sera in Argentina sono state utilizzate 32.923.710 dosi di vaccino. In totale, 25.454.176 si applicano alla prima dose e 7.469.534 alla prima dose.

Si riferisce a Il 56% della popolazione del paese ha almeno una dose e la seconda solo il 16%. Dunque Il 39% delle persone prevede di completare il programma vaccinale: ci sono quasi 18 milioni di persone.

READ  Fulmine colpito mentre si scattava un selfie | Sono sopravvissuti per dire

Oltre allo Sputnik, analizzato per tipo di vaccino, sono stati somministrati 9.032.217 vaccini di prima dose del vaccino estrogenogeno, il secondo 2.137.504, che equivale al primo in combinazione. Queste cifre indicano che il 76% non ha ancora completato il programma di vaccinazione con questa formula.

Secondo Sinoform, 7.134.682 persone hanno già ricevuto la prima dose, di cui 2.656.293 hanno completato il loro programma, quindi ci sono 4.478.389 (63%) ancora in attesa di completare il programma di vaccinazione.

Come vengono elaborate le informazioni?

Il Unità dati Infope Tiene un registro delle presenze ai vaccini in base alla loro origine e tipo. Per quanto riguarda il vaccino russo, è discriminato per tipo di dose: 1 e 2. Monitorando questi dati e le dosi utilizzate, possiamo stabilire il ruolo che la nazione svolge per ogni tipo di dose. D’altra parte, il ministero della salute della nazione si aggiorna quotidianamente Banca dati In esso condivide informazioni su ciascuna dose utilizzata. Con queste informazioni è stato calcolato il numero delle seconde quantità in sospeso. Per calcolare le dosi scadute, è stata considerata una finestra di 56 giorni (8 settimane) per i vaccini Sputnik e AstraZeneca. 28 giorni (4 settimane) in caso di sinoform.

Se desideri visualizzare e scaricare il foglio di calcolo con le sue schede, seguici Questo link.

Elaborazione e visualizzazione dati: Daniela Cipner

Leggi: