Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo il FMI, Germania e Italia sono i primi grandi paesi a cadere in recessione nel 2023

Prima modifica: Ultima modifica:

WASHINGTON (AFP) – Una guerra alle porte dell’Unione europea (UE) potrebbe portare a una terribile recessione all’orizzonte in Germania e in Italia il prossimo anno, avverte il Fondo monetario internazionale (FMI), tre anni dopo la crisi del Covid-19.

Si prevedono contrazioni dello 0,3% del PIL tedesco e dello 0,2% di quello italiano, ha affermato il FMI nelle sue prospettive economiche globali pubblicate martedì. Le previsioni sono notevolmente peggiorate: rispettivamente di 1,1 punti percentuali (pb) e 0,9 pb rispetto a luglio.

Con il passare dei mesi, l’ottimismo di inizio anno su una forte ripresa economica dopo due anni di pandemia lascia il posto a una profonda depressione.

Quasi otto mesi dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, la prima barriera è stata infranta: le principali organizzazioni internazionali parlano apertamente della recessione.

A settembre l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha previsto una recessione in Germania nel 2023 a causa dei danni collaterali della guerra; L’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) è poi arrivata al punto di affermare di temere una “recessione globale”.

“Ci aspettiamo una forte recessione in Italia, con una crescita negativa nel 2023, principalmente a causa dei prezzi dell’energia e della dipendenza del Paese dal gas”, ha detto martedì in conferenza stampa Pierre-Olivier Gourinchas, capo economista del FMI.

Il governo tedesco prevede di pubblicare mercoledì le sue previsioni, che potrebbero essere di recessione, secondo il quotidiano Bild, mentre l’italiano prevede ancora una crescita dello 0,6% il prossimo anno.

Per l’Italia, “un ulteriore shock ai mercati energetici potrebbe peggiorare ulteriormente la situazione”, ha affermato Petya Kova-Brooks, vicedirettore del FMI.

READ  Frank Ribery, leggenda del calcio mondiale, firma per la Salernitana

La società di rating Fitch ha recentemente evidenziato che i membri fondatori dell’UE Italia e Germania sono entrambi altamente vulnerabili alle interruzioni del mercato del gas e hanno difficoltà a diversificare le loro forniture.

Fallimenti

L’esplosione dei prezzi dell’energia preoccupa anche le aziende del settore industriale, con Italia e Germania a pesare pesantemente. I costi energetici eccessivi a volte li costringono a limitare la loro attività, in altri sono costretti al fallimento.

La situazione potrebbe peggiorare, avverte il Fmi. Se le temperature sono troppo basse o questo autunno non riduce abbastanza la domanda di gas, “questo potrebbe portare a carenze energetiche in Germania durante l’inverno” e danneggiare l’industria tedesca.

I problemi nella principale economia della zona euro sembrano pesare “in modo schiacciante” sui paesi vicini, prosegue l’agenzia internazionale, che rivede allo 0,7% (-0,3 pp) le previsioni di crescita per la Francia il prossimo anno. La Spagna è dell’1,2% (-0,8 pp).

La vicepresidente spagnola e ministro dell’Economia Nadia Calvino ha confermato che il futuro a New York non è scritto e dipende dalle decisioni prese.

“L’evoluzione della nostra economia dipende da come si sviluppa la guerra (in Ucraina), dall’economia tedesca e dai mercati energetici”, ha affermato.

L’eurozona per ora è fuori dalla recessione, con una crescita prevista del FMI del 3,1% quest’anno e dello 0,5% nel 2023. Ma quest’ultima percentuale è stata rivista al ribasso per la terza volta consecutiva.

“La recessione non è più un rischio”, ma è prevista nei paesi che condividono la moneta unica il prossimo anno, afferma Brian Coulton, capo economista di Fitch.

“Per molti versi, lo shock energetico che deve affrontare l’Europa è peggiore dello shock petrolifero negli Stati Uniti nel 1973”, aggiunge.

READ  Spagnoli che amano l'Italia