Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo il Medical Syndicate, non c’è traccia dell’infezione nella maggior parte della Germania

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2021 – 13:13

Berlino, 24 dicembre (EFE). – In molte regioni della Germania, gli uffici sanitari locali non sono più in grado di rintracciare i contatti delle persone appena infettate dal virus a causa della saturazione dei casi, secondo l’Associazione tedesca dei medici sanitari, che ha allertato venerdì. Pubblico (BVÖGD).

Il capo di quell’organizzazione, Utti Tchert, ha dichiarato alla rete mediatica “Redaktionsnetzwerk Deutschland” che al momento “non esiste più un’indagine completa” nel Paese e che molti “Länder” hanno abbandonato del tutto la procedura.

Secondo Teichert, in questi stati federali, compresa la città stato di Berlino, gli uffici sanitari non ordinano più ai positivi di mettere in quarantena o informare i propri contatti, ma piuttosto affidano alle persone colpite la responsabilità personale di farlo.

“La domanda è se tutti lo faranno”, ha ammonito Tchert, osservando che l’arrivo della quinta ondata associata alla variante dell’omicron rappresenterà un’ulteriore sfida per gli uffici sanitari, che hanno già raggiunto il loro limite e potrebbero trovarsi di fronte alla saturazione “come mai prima d’ora.”

Il direttore della sanità del distretto berlinese di Charlottenburg, Detlev Wagner, ha confermato che il tracciamento nella capitale tedesca è stato in gran parte limitato a causa della carenza di personale.

Come ha raccontato alla catena regionale “RBB”, in questo caso viene data priorità al tracciamento all’interno di gruppi vulnerabili, come gli ultrasettantenni e le persone che vivono in alloggi assistiti.

Secondo il Robert Koch Institute of Virology (RKI), che è responsabile del conteggio dei dati, attualmente il 95% degli uffici sanitari tedeschi riesce a trasferire nuovi casi ogni giorno, il che non lascia quasi tempo per altre attività. , come il monitoraggio.

READ  Giovedì, 3 febbraio 2022 (08:00 GMT)

Oltre ai problemi tecnici con il programma, c’è il fatto che c’è una significativa volatilità del personale, con molti dipendenti che si dimettono a causa delle pressioni e del supporto dei militari o dei lavoratori di altri reparti solo temporaneamente.

Negli ultimi giorni è diminuito il tasso di infezione cumulato in Germania, che è ancora in attesa dell’effetto della variante omicron, che si osserverà nei prossimi giorni, secondo il ministro della Salute, Karl Lauterbach.

“Anche chi è stato vaccinato dovrebbe fare il test”, ha scritto venerdì su Twitter, avvertendo che a causa delle festività ci saranno ritardi nella registrazione dei dati da parte degli uffici sanitari, ma anche se la situazione è “monitorata”. EFE

spada / ah

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA