Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Senti il ​​ronzio dell’universo?


      Proviamo ad immaginare il Big Bang, il momento della nascita dell’universo, come un grosso sasso che cade in uno stagno. Questo evento creerà una serie di increspature nello spazio-tempo, una sorta di ronzio che potrà essere “sentito” ovunque per circa 13,5 miliardi di anni.

      Questa combinazione di segnali è chiamata “radiazione cosmica di fondo a microonde” e si riferisce alla radiazione cosmica di fondo che permea tutto ciò che vediamo ed è ora considerata la prova dell’esistenza di questa “esplosione”.

      Ora abbiamo scoperto che insieme a questa radiazione ci sono anche le onde gravitazionali, e sono forse ancora più importanti per tracciare la storia di tutto ciò che ci circonda.

      NAOJ

      “Rilevare lo sfondo casuale della radiazione gravitazionale potrebbe fornire una ricchezza di informazioni sugli ammassi di sorgenti astrofisiche e sui processi nell’universo primordiale che non sarebbero accessibili con nessun altro mezzo”, spiega la fisica teorica Susan Scott dell’Australian National University e ARC.

      “Ad esempio, la radiazione elettromagnetica non fornisce un’immagine dell’universo prima del momento dell’ultima dispersione (circa 400.000 anni dopo il Big Bang). Tuttavia, le onde gravitazionali possono darci informazioni fino all’inizio dell’inflazione, solo ~10- 32 secondi dopo il Big Bang”.

      Inoltre, ha aggiunto, “Speriamo che la scoperta e l’analisi del fondo di onde gravitazionali rivoluzionino la nostra comprensione dell’universo, nello stesso modo in cui lo fanno le osservazioni del fondo cosmico a microonde e della sua anisotropia”.

READ  I dipendenti Ubisoft sono disgustati dal piano blockchain