Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sergio Massa presiede il Forum parlamentare latinoamericano contro il terrorismo nel nuovo anniversario dell’attentato AMIA

Sergio Massa presiede il Forum parlamentare latinoamericano contro il terrorismo nel nuovo anniversario dell’attentato AMIA

Sergio Masa Era responsabile per iniziare Forum dei parlamentari latinoamericani contro il terrorismo. Evento, organizzato congiuntamente tra Congresso ebraico latinoamericano (CJL) E questo Camera dei Deputati della Nazione, tenutosi questo pomeriggio e commemorato il 27° anniversario dell’attentato all’AMIA. Inoltre, per la prima volta, hanno partecipato i capi del parlamento della regione, tra cui rappresentanti del Mercosur.

La Camera dei Deputati ha ospitato l’incontro online, il cui scopo Sviluppare e rafforzare le politiche per contrastare le sofferenze del terrorismo internazionale.

All’inizio del forum, Masa ha ritenuto che l’incontro “simboleggia non solo il ricordo delle vittime e la lotta in corso per la giustizia, ma anche l’espressione di essa”. Il desiderio del nostro Paese di combattere il terrorismo, il razzismo, l’odio e la discriminazione Questa non è una scelta personale, ma un lavoro congiunto con i parlamenti. In questo senso, il capo della Camera dei deputati ha affermato: “La lotta al terrorismo deve essere un compito comune dell’America Latina”.

“Siamo a poche ore dal compimento dei 27 anni di un atto terroristico che ha colpito non solo l’AMIA ma anche la nostra regione, e forse è uno dei peggiori atti di terrorismo, ed è per questo che la condanna che promuoviamo oggi è così importante Collettivamente, e soprattutto, Impegno al lavoro congiunto dei parlamenti e rafforzamento delle leggi per combattere il terrorismoHa aggiunto.

Nel suo discorso davanti al forum, il leader della camera bassa ci ha chiesto di lavorare insieme Regionalizzare la necessità di combattere il terrorismo“Inoltre, la ricerca della giustizia deve avere il potenziale per porre fine alla punizione per coloro che hanno commesso quell’atto terroristico e trasformarla in uno striscione che rafforza le democrazie nella nostra regione”. Democrazie forti si oppongono al terrorismo”, ha dichiarato.

L'incontro guidato dalla Messa è quasi terminato
L’incontro guidato dalla Messa è quasi terminato

Allo stesso modo, Masa ha detto: “Rimarremo fermi nei nostri parlamenti contro il terrorismo, contro il razzismo, contro la violenza, contro le violazioni dei diritti umani”. La voce della parola, la lotta per difendere le democrazie in America Latina”.

READ  Hanno trovato i corpi dei passeggeri dell'aereo scomparso nella Russia orientale

Claudio Ebelman, amministratore delegato di CJL, è stato incaricato di aprire il ciclo di relatori. Il secondo che ha parlato Jack Derbins, Presidente del Congresso ebraico latinoamericano. Poi tocca a Masa, poi apri e finisci le parole Ariel Ichbam, Presidente dell’AMIA e uno dei Vice Presidenti della CJL.

Ad eccezione di Masa, i suoi colleghi erano i relatori Arthur Lira (Brasile), Diego Paulson (Chile), Dulce Maria Sauri Ryanzo (Messico-per la prima volta-), Punto Pedro Alliana (Paraguay) e Alfredo Fratty (Uruguay). L’evento ha visto anche la partecipazione speciale dell’Ambasciatore argentino in Israele. Sergio Uribari.

Il presidente della DAIA George Noblovitz
Il presidente della DAIA George Noblovitz

Quando è successo uno dei momenti più importanti della giornata George Noblovitz, Presidente della DAIA e Segretario Generale della CJL hanno letto il Rapporto Antiterrorismo. Il documento si riferisce al 18 luglio 1994 Associated Mutual Israel Argentina – Un’autobomba esplode nella sede dell’AMIA, uccidendo almeno 85 persone e ferendone più di 300.

“Questo non è il primo attacco del terrorismo internazionale in Argentina: due anni fa l’obiettivo era l’ambasciata israeliana, dove sono state uccise 29 persone. 27 anni dopo l’attentato all’AMIA, Gli autori di uno dei più grandi attentati terroristici della storia dell’America Latina sono ancora su larga scala. La giustizia argentina ha chiesto l’estradizione dei civili iraniani accusati di organizzazione, finanziamento ed esecuzione dell’attentato. Finora non è stata ricevuta alcuna risposta positiva e l’attacco continua senza punizioni”.

Attraverso il documento, i partecipanti al Congresso hanno dichiarato: “La verità e la giustizia sono fondamentali per costruire comunità democratiche, pluralistiche e progressiste. Senza giustizia che punisce la distruzione, l’odio e la morte, siamo soggetti al disprezzo dei diritti umani e alla perdita della vita e della libertà. Fare giustizia non solo riparerà i danni fatti in passato, ma assicurerà anche il futuro della libertà”.

READ  Alberto Fernandez si reca a Lima per partecipare alla cerimonia di apertura del Castillo Agenda del presidente in Perù

“La lotta efficace al terrorismo richiede la seria collaborazione di ogni Stato membro della comunità internazionale. Pianificare, finanziare e favorire attività terroristiche sarebbe complice della violazione del diritto internazionale.“Hanno aggiunto.

In tal senso, continuano: “Stiamo facendo il nostro sforzo per combattere il terrorismo internazionale, Garantire il quadro giuridico per proteggere la vita dei cittadini e proteggere i valori delle persone contro la minaccia di distruzione, odio e morte seminata dalle organizzazioni terroristiche. Allo stesso modo, rifiutiamo ogni forma di discriminazione, razzismo, razzismo e antisemitismo”.

Hanno deciso: “Promettiamo di rafforzare la democrazia e le sue istituzioni in modo che gli attacchi contro l’AMIA non si ripetano.”.

Dal 2007 il Latin American Jewish Congress rende omaggio ai legislatori sudamericani vittime dell’attentato dell’AMIA. Incoraggiare gli sforzi legislativi con l’obiettivo di garantire che gli atti terroristici nella regione non si ripetano mai più. Più di 350 membri del parlamento latinoamericano hanno partecipato a questi incontri, che precedono la legge federale che commemora l’attentato.

Continua a leggere: