Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sharon Stone afferma che le critiche al suo attivismo contro l’AIDS hanno rovinato la sua carriera

Attrice americana Sharon Stone Ha dichiarato in un’intervista durante il Red Sea Film Festival che la sua carriera nell’industria cinematografica era stata influenzata dal suo attivismo nella sensibilizzazione sull’AIDS. Stone ha rivelato che non lavorava da otto anni quando ha deciso di sostituire la sua defunta amica, Elizabeth Taylor, al timone di amfAR, un’organizzazione senza scopo di lucro dedicata alla ricerca sull’AIDS, alla prevenzione dell’HIV, all’educazione al trattamento, alla difesa e alla sensibilizzazione dei media.

Secondo quanto riportato dalla rivista Le personeL’interprete ha detto che le minacce le sono arrivate dopo la raccolta fondi annuale dell’organizzazione a Cannes nel 1995, dove Taylor le ha chiesto di sostituirla. “Avevo delle grandi scarpe da riempire per Elizabeth Taylor all’amfAR”, ha ammesso Stone lo scorso venerdì al Red Sea Film Festival in Arabia Saudita.

L’attrice Sharon Stone ha rivelato di aver ricevuto minacce per aver cercato di raccogliere fondi per combattere l’AIDS

GTRES

Inoltre, l’attrice ha raccontato che la sua pubblicista, Cindy Berger, le aveva detto che se fosse stata a capo dell’amfAR, avrebbe distrutto la sua carriera. “A quel tempo non ti era permesso parlare di AIDS. Così le ho detto: ‘Lo so, ma lo farò, mi ucciderai'”. Lei ha risposto: “E se tu non farlo, ucciderò anche te”, ha spiegato l’attrice nell’intervista. spiegò l’artista.

Dopo la raccolta fondi di gala annuale, a Sharon Stone è stato chiesto di sostituire Taylor come presidente di amfAR per i prossimi tre anni. Ha accettato e, sebbene sapesse che avrebbe danneggiato la sua carriera, “non avevo idea della resistenza, della crudeltà, dell’odio e dell’oppressione che avremmo dovuto affrontare”.

READ  Kevin Bacon e Kyra Sedgwick rivelano di aver perso "tutti" i loro soldi a causa di Madoff | Le persone
L'attrice Sharon Stone all'evento Women in Cinema durante il Red Sea International Film Festival a Jeddah, Arabia Saudita, venerdì 2 dicembre 2022.

L’attrice Sharon Stone ha rivelato di aver ricevuto minacce per aver cercato di raccogliere fondi per combattere l’AIDS

GTRES

Tuttavia, l’attrice, determinata, ha persistito nel suo obiettivo. “Così ho indossato una tuta protettiva e mi sono fatto mostrare il virus al microscopio”, ha spiegato nell’intervista. “Pensavo di aver davvero bisogno di vedere questa cosa che fa impazzire il mondo intero.”

“Sono rimasto al timone di amrAR per 25 anni fino a quando non abbiamo ottenuto trattamenti per l’AIDS che sono stati pubblicizzati in TV come se fossero aspirina. E ha rovinato la mia carriera. Non ho lavorato per otto anni. Mi hanno detto che se avessi detto di nuovo i preservativi mi avrebbero ritirato il finanziamento, mi hanno minacciato, ripetutamente hanno minacciato la mia vita e ho deciso che dovevo andare fino in fondo.

L'attrice Sharon Stone all'evento Women in Cinema durante il Red Sea International Film Festival a Jeddah, Arabia Saudita, venerdì 2 dicembre 2022.

Sharon Stone al Red Sea International Film Festival in Arabia Saudita

GTRES

Tuttavia, l’interprete 64enne ha confermato di non essersi pentita di aver preso questa decisione e di aver lottato per il bene di alcune persone e di una malattia che all’epoca veniva ignorata. Inoltre, l’attrice ha ricordato i 40 milioni di persone morte di AIDS prima dell’introduzione dei farmaci antiretrovirali. “Ora 37 milioni vivono con l’HIV/AIDS e vivono in buona salute”, ha dichiarato l’attrice con entusiasmo.

Riconoscendo il grande lavoro di Sharon Stone

Dopo un’assenza di sei anni dall’evento, Stone è tornata per ospitare il gala amfAR a Cannes lo scorso luglio. La sua apparizione più recente è stata nel 2014, quando ha aiutato l’organizzazione a raccogliere $ 35 milioni in una notte. Nel 2020, Stone è stato insignito dell’Elizabeth Taylor Award della AIDS Foundation.

READ  Nicolas Cage e la foresta di tartufi