Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sirat inizia il suo addio all’Argentina: “Lascio il palco, ma non lascio ciò che la vita mi offre”.

Juan Manuel Serratt tornò ancora una volta in Argentina, il paese che lo accolse come al solito alla fine degli anni ’60. Prometto che non sarà l’ultima volta che atterra a Buenos Aires, ma Il prossimo sarà solo visitare gli amici Oppure scopri un nuovo angolo di quella città che non richiede passaporto. “Il mio cuore è calmo. Sono venuto a salutare le tappe, ma non le persone, né il paese, né la passione che ci ha uniti. Dal momento in cui sono arrivato [el aeropuerto de] E sabato 5 novembre canterà a Rosario, la città del suo amato Roberto Fontanarossa, a 300 chilometri dalla capitale argentina. Questa sarà la prima delle sette recitazioni del capitolo argentino canto vizio, L’ultimo round della sua carriera.

Seduto dietro un tavolino da caffè sul palco, Sirat vaga nella “Torba dell’Anima”. C’era l’aria del finale annunciato, tempo per le valutazioni e alcune definizioni sul futuro, che immagina fosse pensato per la famiglia, diverse letture e alcune nuove canzoni. Il catalano dice di non avere più le forze per fare un giro severo o iniziare “qualcosa di grande”. Così decise di “lasciare questo buon gusto in bocca” che aveva per il suo lavoro con un addio secondo quanto seminato. La lezione americana, che riprenderà metà del rito, è iniziata a fine aprile al Beacon Theatre di New York. Poi mi sono fermato a Porto Rico, Repubblica Dominicana, Messico, Colombia e Costa Rica. Sarà tutto il mese di novembre per Argentina, Cile, Perù e Uruguay, prima del touchdown finale in Spagna.

Syrat non ha mai nascosto la sua vicinanza all’Argentina, essendo stato accolto come un membro assente ma sempre tornato. “Qui ho vissuto i miei primi programmi TV e ora questi sono i miei ultimi concerti”, ricorda. È arrivato prima dell’inizio degli anni ’70, bandito dalla dittatura e tornato nel 1983 con la democrazia. Da allora, il paese sudamericano ha occupato un posto speciale nella sua agenda. “Speriamo che torni al barbecue o al campo”, gli ha augurato un giornalista. A Sirat non piaceva l’argomento. “Questo è puro discorso. Sembra che solo asado, kancha e tango siano i fattori di unità con questa terra, ma ci sono molti altri elementi e sono tutti meravigliosi”, ha detto. Ha aggiunto: “Verrò a visitare i luoghi che ho visto cambiare, alcuni con gioia e altri con profonda tristezza. E i luoghi sono degni se condivisi con gli amici”.

READ  "Deja Vu": La canzone con cui Olivia Rodrigo ha realizzato un sogno | Musica
Juan Manuel Serrat, alla conferenza stampa tenutasi a Buenos Aires il 2 novembre 2022.Foto: Enrique Garcia Medina

Non è facile sapere che ogni ballo di fine anno è un altro passo verso l’ultimo. Ecco perché Sirat preferisce non pensarci. “Non ho contato quello che ho fatto, quelli che ho fatto e quelli che devo ancora fare. È completamente sulla difensiva. Questo tour è pieno di trappole, emozioni e distanza da qualcosa che mi ha reso molto felice”, ha disse. Ecco perché ad ogni concerto canta “come se fosse l’ultimo” e cerca di “non parlarne troppo”. “Scuoto l’anima direttamente, nel profondo dei miei sentimenti”, è onesto, e ripete subito che l’addio è solo dal palcoscenico: “Non smetto di scrivere, comporre, amare e non lascio tutto in questa vita offrirmi”

Sirat risponde, guardandosi negli occhi, in una stanza piena di domande. Sorride quando la domanda gli piace, sorride quando è sorpreso ed è amichevole quando lo infastidisce. È stato persino incoraggiato a giocare con la possibilità Hanno ricevuto il premio Nobel, così come un altro cantautore, Bob Dylan. “Se voglio vincere questo premio? No, ma lo darò a tre artisti. Ragazzo [Buarque] Perché lo trovo commovente. Silvio [Rodríguez] per la bravura delle sue canzoni. E lui ha risposto ridendo a Joaquín Sabina, perché sapevo che l’avrebbe amata.

Cosa troverà il pubblico in questo? vice cantando? Ci si possono aspettare grosse sorprese, coerenti con l’addio alla vita sul palco, ma Sirat ha fugato subito ogni dubbio. Ha avvertito che elefanti, ballerini esotici e trapezisti li hanno lasciati alla dogana. Spiega: “Poi dobbiamo uscire con i musicisti, gli strumenti, le canzoni. E la squadra che vuole essere felice sul palco”. Insomma, di gran lunga Joan Manuel Serrat.

Iscriviti qui Alla newsletter di EL PAÍS América e ricevi tutte le informazioni essenziali sull’attualità nella regione.