mercoledì, Giugno 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Soto si sente incredibilmente a suo agio con l’uniforme degli Yankees

Juan Soto si è sentito incredibilmente a suo agio con l’uniforme degli Yankees, il che si riflette nei numeri dell’outfielder dominicano e nella posizione della Eastern Conference dell’American League.


strada. PIETROBURGO, Florida – Nelle sue prime 40 partite con Yankees di New York, Juan Soto è stato Sensazione incredibilmente confortevole Con il Uniformi Seguace La squadra più popolare E bestiameP di Grandi campionati (MLB), che cos’è? riflette Nel Preparazione Seguace Giardiniere dominicano E il In piedi Seguace Sezione orientale Seguace Lega americana.

“È una sensazione molto bella, è una sensazione molto bella far parte della storia di una squadra storica come gli Yankees, ma sì, è enorme”, ha detto Soto a ESPN Digital venerdì.

“È bello, è bello, è una sensazione incredibile far parte di una formazione potente come quella degli Yankees e battere contro due di quei bravi battitori.” [como Aaron Judge y Giancarlo Stanton] “Lo mostrano da otto o dieci anni e sai, è una bella sensazione”, ha aggiunto.

Soto, che è stato acquistato dagli Yankees dai San Diego Padres in inverno per giocare la sua ultima stagione prima di diventare eleggibile per la free agency per la prima volta nella sua carriera, è entrato nella serie del fine settimana contro i Tampa Bay Rays al Tropicana Field, con 2,6 WAR, secondo nel reparto giovanile e tra i primi candidati per il premio Most Valuable Player.

READ  Derek Jeter torna allo Yankee Stadium

New York (25-14) ha iniziato il suo viaggio di sei partite in sette giorni guidando l’American League in vittorie. Questa è la quinta volta in 21 anni che gli Striped ottengono almeno 25 vittorie nelle prime 39 partite di una stagione.

“Penso che l’inizio di stagione che abbiamo avuto, grazie a Dio, sia stato quello che stavamo aspettando. Come squadra, abbiamo avuto un ottimo inizio, abbiamo vinto molte partite e direi che abbiamo siamo in una buona posizione per iniziare bene la stagione”, ha detto Soto.

Ha aggiunto: “L’obiettivo è vincere tutto. Soprattutto, vincere è la cosa più importante”.

Soto, 25 anni, si adatta perfettamente a New York, la città più dominicana al di fuori dell’isola caraibica.

Il mancino ha raggiunto la base con hit or walk in 35 delle sue prime 39 partite della stagione e ha segnato .333 con nove fuoricampo, sette doppi, una tripla, quattro palle recuperate, 28 walk, 33 RBI e 26 punti segnati. Soto ha raggiunto la base più volte in 24 partite, la maggior parte nella American League e si è classificata seconda nella MLB e guida la lega con 14 partite raggiungendo la base tre o più volte.

I superfan dei Bronx Bombers lo hanno immediatamente abbracciato, anche se sapevano che non era garantito che restasse in giro oltre il 2024. Soto è stato ceduto dai Washington Nationals ai Padres dopo aver rifiutato un’offerta di contratto a lungo termine da 440 milioni di dollari da parte dei Bucks e di San Diego. A New York quando divenne chiaro che aveva intenzione di testare il libero arbitrio.

READ  Johan Vesquez e il Genoa sono retrocessi nel calcio italiano dopo aver perso 0-1 contro il Bologna

“Per me non è solo una divisa, per me è un orgoglio rappresentare sempre una città, con [Washington] Cittadini, ogni volta che mi hanno messo quella divisa è stato motivo di orgoglio e in più con loro sono stato un eroe. A San Diego [Padres] Allo stesso modo, mi sentivo così felice con la folla e tutto il resto, è stato un momento fantastico, sì davvero, ogni volta che indossi quell’uniforme è così speciale.

Ha detto: “Anche qui a New York è stato speciale. Ogni volta che indossi questa divisa e scendi in campo per difendere un’intera città e la tua squadra, penso che sia un’esperienza molto bella, come nessun’altra”. Soto, che mostra percentuali rispettivamente di .422 e .949 in OBP e OPS in oltre 800 partite MLB.

Soto è stato molto attento a non impegnarsi a lungo termine nelle sue dichiarazioni e si è limitato a vivere nel presente e lasciare che il futuro porti ciò che porterà. Ma quando parla di New York non nasconde la sua fascinazione per la Grande Mela.

“Vi dico? New York in fondo non si finisce mai di conoscere. Tanta cultura, tanti dominicani, latini, a New York c’è di tutto, di tutti i tipi, e penso che si impari poco a poco e conoscere di più,” ha detto Soto. “La città, penso di sì, il primo mese è stata impressionante, e penso che continuerà ad essere così.”

READ  La Premier League accetta di vendere il Chelsea
Graziana Spina
Graziana Spina
"Estremo appassionato di tv. Appassionato di cibo impenitente. Tipico esperto di birra. Amichevole esperto di internet."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles