Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Space Proofing the Universe: The Age of Stars and the Galaxy, di Tomás Unger | Tecnica

A Lima, con la sua nebbia e la costante illuminazione artificiale, è difficile da vedere stelle. Allontanandoci dalle città, soprattutto negli altopiani, possiamo notare Universo Viaggia nel tempo senza bisogno di invenzioni rivoluzionarie.

Vediamo la luce che viaggia da centinaia o addirittura miliardi di anni, emanata da stelle in un lontano passato, e quando arriva, ci dà la storia di ciò che accadde in quei giorni. stelle Quando la sua luce si spense verso la terra. Come leggere una lettera scritta il giorno di un evento storico: siamo testimoni di ciò che accadde in quel momento.

Leggi anche: Meteo, perché prevedere le condizioni imminenti è più complicato di quanto sembri

Tuttavia, il calcolo dell’età delle stelle non è molto accurato, Ma una stima basata su una serie di principi e calcoli matematici che si supportano a vicenda. Nel caso del Sole, il suo studio intenso, più ravvicinato e dettagliato rispetto allo studio di altre stelle, ha permesso di fare una stima più accurata di qualsiasi altro studio. stella: 4,6 miliardi di anni con un margine di errore di poche centinaia di milioni di anni!

calcoli matematici

per calcolare l’età stelle Vengono utilizzati tre metodi complementari. Il primo è la compatibilità di luminosità e temperatura, tenendo conto della composizione chimica, del calcolo del contenuto e del tasso di consumo di idrogeno.

Questi dati vengono aggregati per produrre quella che è nota come correlazione Hertzsprung-Russell. (Schema HR), da astronomi che separatamente giunsero a conclusioni simili all’inizio del XX secolo: Ignar Hertzsprung (Danimarca, 1873-1967) e Henry Norris Russell (Stati Uniti, 1877-1957).

Utilizzando queste informazioni, sono state prodotte tabelle con barre indicanti luminosità e temperatura, che consentono di classificare stelle in categorie e segnare la fase della loro vita in cui li osserviamo. C’è la sequenza principale, che inizia da un angolo più alto (luce e temperatura elevate, di solito alla nascita), e va all’angolo opposto (bassa temperatura e luce, di solito alla fine della loro vita).

READ  Karra Elejalde recita nel suo nuovo film Chisciotte dallo spazio

Il sole è lì in mezzo alla strada. lui è stella Dalla massa media nella sua mezza vita, che è calcolata in 9 miliardi di anni. La velocità con cui il suo carburante consuma, alla quale la sua gravità fonde gli atomi di idrogeno al suo interno, determina quanta luce e radiazioni produce e indica che dovrebbero avere ancora circa 4,5 miliardi di anni.

“La sequenza temporale di ciò che è accaduto nell’universo finora ci dà un’idea di cosa aspettarci tra miliardi di anni”.

Al di fuori e al di sopra della sequenza principale ci sono giganti e giganti blu o rossi, il cui colore dipende dalla velocità e dalla temperatura a cui bruciano il carburante.

All’estremità inferiore ci sono nane rosse e bianche, che sono leggermente più grandi di Giove e brillano in modo relativamente debole. Di solito il bianco è l’ultimo stadio di a Una grande stella. Le nane rosse sono piccole stelle di lunga durata che bruciano il loro carburante in modo relativamente lento e costante.

Per calcolare in modo più accurato l’età delle stelle all’interno del grafico HR, L’attività viene analizzata sulla superficie della stella. Nel caso di quelli più lontani dal sole, lo studio consiste nello studio delle variazioni della luce e di altre radiazioni emesse.

Sapendo che le stelle più grandi e più calde bruciano il loro carburante più velocemente, mentre le stelle più piccole hanno una vita più lunga e stabile, il grado di attività (intensità di combustione) dà un’idea di quanto carburante è stato bruciato e quanto ne è rimasto.

La velocità di rotazione è un altro indicatore, ma è il meno preciso. La regola generale è che nel tempo stelle Perdono velocità di rotazione, ma gli studi finora hanno dimostrato che possono esserci eccezioni significative. Nuove tecniche di monitoraggio e correlazione con altre variabili aiutano a migliorare il metodo.

via Lattea

Nel tempo sono state calcolate le età di un gran numero di stelle nella nostra galassia, la Via Lattea. Allo stesso modo, sono stati studiati i fenomeni all’interno della galassia, tra cui un buco nero e un disco di stelle molto antiche nella sua regione centrale. Questo ha aiutato a calcolare l’età approssimativa della nostra galassia.

Esaminando le tue braccia con centinaia di milioni di stelle che gli danno la forma di un vortice, e si è concluso che la Via Lattea è più antica di quanto si pensasse. Avrebbero iniziato a formarsi più o meno nello stesso periodo in cui si sono formate le prime galassie dopo il Big Bang, tra 1.000 e 2.000 milioni di anni dopo il botto iniziale.

“L’aritmetica delle stelle non è molto precisa, ma è una stima basata su una serie di principi e calcoli matematici”.

Questo è stato un periodo di collisioni multiple tra giovani galassie che si stavano allontanando rapidamente dal centro. Ciò che ha dato l’aspetto e la composizione attuali è la recente collisione. Questa è stata una fusione con un’altra galassia più piccola, circa 11 o 10 miliardi di anni fa.

La cronologia di ciò che è successo nell’universo finora ci dà un’idea di cosa aspettarci nei prossimi miliardi. Esistono varie teorie sulla fine del mondo e gli osservatori spaziali ci forniranno le informazioni di cui abbiamo bisogno per escluderne alcune e confermarne altre.

Entro miliardi di anni il nostro mondo si disintegrerà completamente, disseminato di un vasto vuoto di VuotoOppure crollerà in un buco nero supermassiccio. Potrebbe essere un presagio di una nuova grande eruzione.

Prima di allora, le condizioni nel nostro sistema solare cambieranno drasticamente. Il futuro dei pianeti sarà influenzato dai cambiamenti nelle condizioni in cui orbita la galassia. L’invecchiamento del Sole lo porterà ad espandersi prima a una temperatura relativamente bassa come una gigante rossa. Quindi si riduce a una nana bianca quasi fioca. felicemente, Mancano ancora circa 4 miliardi di anni perché tutto ciò accada.