Ottobre 26, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spagna, Francia, Italia e Polonia si alleano contro Bruxelles per imporre la riduzione dei prezzi dell’energia elettrica.

Un aumento illimitato dei prezzi dell’energia ne ha aperto uno Nuova frattura Tra i paesi dell’UE. sezione Non è più nord contro sud, Come la crisi dell’euro; Uno Da est a ovest, Come è successo nella crisi dei rifugiati o ora La dittatura scivola in Polonia e Ungheria.

Ora est e sud (Guidati da Spagna, Francia, Italia e Polonia) Ha formato un’alleanza senza precedenti Richiedi un’azione immediata da Bruxelles a breve termine Al fine di controllare l’impatto della luce in aumento. Affrontano Germania, Paesi Bassi e Paesi nordici, che rifiutano un intervento forte a livello UE.

Questa divisione è stata ristabilita all’interno della Commissione Europea. Sebbene la distribuzione delle forze qui sia ancora più complicata. Paradossalmente, i commissari direttamente responsabili del settore energetico – gli olandesi Franz Timmermans e finlandese Kadri SimpsonSono molto riluttanti ad agire.

Invece, il Commissario per gli Affari economici, italiano Paolo Gentiloni, Supporta esplicitamente l’acquisto congiunto di gas, uno dei progetti centrali di Madrid e Parigi. Non ha firmato la lettera dalla Spagna e dalla Francia, ma è con loro. La grande sorpresa è stato il presidente, German Ursula van der Leyen, Ha fatto un passo avanti e si è difeso Rompere il collegamento tra i prezzi del gas e l’elettricità, La domanda più urgente dei paesi del sud e dell’est.

Questa sezione di approfondimento sta bloccando la risposta congiunta dell’UE all’aumento del costo delle tariffe elettriche, come evidenziato dalla riunione dei ministri dell’ambiente. Tenuto la scorsa settimana. “Crediamo che questa sia una situazione eccezionale Impossibile vedere da Rally I prezzi del petrolio nei primi anni ’70Inoltre, se non reagiamo all’altezza del problema davanti a noi, avremo un brutto momento”, ha avvertito il vicepresidente. Teresa Ribeira.

Theresa Ribeira, la terza vicepresidente durante una riunione dei ministri dell’Ambiente dell’UE

Unione Europea

READ  Marcos Alonso: "In Spagna mi conoscono meno che in Italia o in Inghilterra" | Gli sport

Vogliamo che la Commissione faccia raccomandazioni al riguardo Il controllo più efficace del mercato elettrico“Dice il rappresentante francese.” Non c’è niente che possiamo fare al riguardo”, ha detto la Grecia. I tentativi di preparare la commissione non sono una novità”, ha affermato Joao Pedro, il suo omologo portoghese.

D’altra parte, il ministro degli Esteri olandese Dylan Yesilkes-Jegerius sostiene: “Non dovremmo interferire in un mercato unico per l’energia o la CO2. Questo“.” Sebbene questa sia una situazione grave, È importante non prendere decisioni drastiche Hanno conseguenze a lungo e lungo termine”, ha affermato il ministro danese Don Jorgensen. Siamo molto scettici su qualsiasi tentativo di influenzare il libero mercato”, ha affermato Svenza Schulz, della Germania.

Nel contesto del dibattito, The Il ruolo oscuro della Russia in questa crisi. L’unica raccomandazione del Presidente Vladimir Putin I prezzi sono scesi bruscamente la scorsa settimana nel tentativo di aumentare la produzione di gas. La Polonia vede Mosca come “manipolazione del mercato” e “fornitura di gas” come “strumento politico”.

La Commissione dovrebbe indagare su queste pratiche commerciali sleali“, ha chiesto il ministro degli Esteri polacco Adam Kuiporuge-Chetverdinsky. L’amministratore sociale ha risposto che questa volta la Russia rispetta tutti i suoi accordi, ma van der Leyen si è già lamentato più volte che Mosca non ha aumentato la produzione, come sta facendo la Norvegia per evitare aumenti dei prezzi.

Cassetta degli attrezzi

Sulla scia della frattura totale, l’amministratore della comunità ha detto mercoledì prossimo, 13 ottobre, un “Cassetta degli attrezzi“Con misure per controllare l’aumento delle tariffe elettriche, una proposta da discutere al prossimo Consiglio europeo del 21 e 22 ottobre sono gli strumenti per pesare di Bruxelles.

Tasse e costi netti ridotti: Bruxelles fornirà agli Stati membri un elenco completamente gratuito per ridurre tutte le tasse sull’elettricità, rimuovere tutte le forme di spesa regolamentata dal conto e finanziarle attraverso i bilanci statali pubblici. Lo stato non ha abbastanza azione Pedro Sanchez, Ha già esaurito una buona porzione del bordo della linea. Infatti apre l’admin spagnolo Stop alle linee elettriche nel 2022.

READ  L'Italia più vera è a Marsiglia

Il commissario per l'Energia Kadri Simpson non vuole agire a livello dell'UE

Il commissario per l’Energia Kadri Simpson non vuole agire a livello dell’UE

Parlamento europeo

Aiuto contro l’energia: “La priorità immediata è mitigare l’impatto sociale e proteggere le famiglie vulnerabili, garantendo che la povertà energetica non peggiori”, ha dichiarato la scorsa settimana il commissario per l’Energia al Parlamento europeo. L’amministratore della community accoglie con favore l’implementazione Pagamenti diretti alle famiglie più vulnerabili Oppure dare assistenza generale alle aziende, in particolare alle PMI. Naturalmente, l’uso dei bilanci nazionali.

La Grecia ha proposto di costruire su scala europea Finanziamento da 5.000 a 8.000 milioni di euro questo invernoSarà distribuito proporzionalmente tra i paesi membri e finanziato con le entrate della European CO2 Emission Trade Organization. Un tentativo di non vedere eco a Bruxelles.

Acquisti allacciamenti gas nell’Unione Europea: UN Piattaforma europea di acquisto congiunto di gas, Una misura proposta da Spagna e Francia Per controllare l’inflazione e Rafforzare il potere contrattuale Contro produttori come la Russia, sta guadagnando un sostegno crescente tra gli Stati membri. Un esempio da seguire sono i vaccini contro il governo-19. Grecia, Romania, Repubblica Ceca, Italia o Portogallo sono favorevoli.

Il commissario per l’Energia si è dichiarato pronto allo studio, ma è scettico. “Questa non è un’idea nuova, come discusso in precedenza, ma I suoi vincoli complessi e pratici sono sempre sovrappeso Più che vantaggi”, ha detto Simpson al Parlamento europeo”. Al momento non crediamo che gli acquisti congiunti di gas possano davvero fornire una soluzione”, ha affermato il ministro belga Celine Delier.

Il presidente Ursula van der Leyen sostiene la rottura del legame tra i prezzi del gas e dell'elettricità

Il presidente Ursula van der Leyen sostiene la rottura del legame tra i prezzi del gas e dell’elettricità

READ  Exodus: solo una delle 10 migliori compagnie aeree al mondo opera in Argentina

Questo

Reporting per il sistema dei prezzi: È stata una proposta stellare da Spagna e Francia e ha ricevuto un incoraggiamento inaspettato da Van der Lion la scorsa settimana. “S.io I prezzi dell’elettricità sono alti a causa degli alti prezzi del gas. Poiché abbiamo energia a basso costo come le rinnovabili, dobbiamo esplorare la possibilità di decomporle nel mercato “, ha affermato il presidente.

Tuttavia, poche ore dopo, l’assessore all’energia si è tirato indietro. “Alcuni indicano la progettazione del mercato elettrico europeo come parte del problema. Tuttavia, quando la domanda e i prezzi sono alti in tutto il mondo, Non è possibile che l’UE sia immune. Il sistema del mercato elettrico è completo Progettato per fornire più energia rinnovabile ed energia più economica Migliora l’integrazione per tutti i consumatori e oltre i confini “, afferma Simpson.

COMBATTIMENTO CO2 Speciale: È uno dei cinque pilastri della dichiarazione congiunta firmata da Spagna, Francia, Grecia, Romania e Repubblica ceca. Ha anche la simpatia della Polonia. “C’è preoccupazione per Potenziale bolla speculativa nel mercato delle emissioni di CO2 E dobbiamo ridurre il potere della speculazione. L’aumento del costo delle emissioni mette in discussione la capacità delle nostre compagnie energetiche di finanziare il cambiamento “, ha avvertito il ministro polacco.

Anche in questo caso, l’esecutivo dell’UE è riluttante ad agire con sospetto sulla base del fatto che non ci sono prove che il sistema europeo di scambio di quote di emissione sia stato manipolato.