Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spagnoli che amano l’Italia

Cosa hanno in comune Giuseppe Pla, l’imperatore Adriano, Nicola Machiavelli Machiavelli o Maria Montessori? Il rapporto tra i due paesi del Mediterraneo, Spagna e Italia, è molto simile nella cultura, nei valori e nello stile di vita nell’UE, lasciando innumerevoli tracce dei migliori individui nei campi del viaggio, dell’apprezzamento e della conoscenza. Influenza in entrambi i paesi. Questo è ciò che crede l’Ufficio Cultura Spagnolo in Italia, che è stato recentemente pubblicato Vedute di Spagna, Italia e America Latina. Costellazioni selezionate di eroi della nostra storia comune, Due grandi volumi che commemorano il cammino lasciato da spagnoli e italiani nei rispettivi paesi.

Dopotutto, attraverso brevi schizzi incentrati sulle sue interazioni con altre case mediterranee, abbiamo scoperto storie come il viaggio di Ramon del Valle Ingln a Roma nell’aprile 1922, che rimase deluso dalla sconfinata complessità dell’edificio che ospita l’Accademia di Roma. , Di cui ha chiesto la direzione dopo aver divorziato da sua moglie. Oppure il suo ospite Rafael Alberti, che poi decise di proseguire il suo lungo esilio a Roma e di stabilirsi nel quartiere di Trostevere, dove entrò in contatto con importanti intellettuali italiani da Carlo Levy a Pasolini.

Il drammaturgo Ramon del Valle-Ingl (n (1836-1936) si trasferì a Roma nell’aprile 1922.

File

Il progetto è nato da un’idea di Ian de la Riva, consigliere diplomatico dell’ambasciata spagnola in Italia. “Durante i cinque anni in cui sono stato qui, ho cercato di vedere dove potevo trovare informazioni sulla sorte di Velasquez o Maria Zambrano, e mi sono reso conto che non esisteva un manuale sulla presenza della Spagna in Italia. Con Adriano, Trojano o Seneca per anni, fino a quando ora con personaggi come Lucia Bose o Luis Racionero, si è messo al lavoro: è ora di creare un dizionario per il grande pubblico che possa fungere da elenco di libri per gli accademici.

READ  Uno squalo 'in via di estinzione' in pericolo sorprende in Italia per aver catturato un porcellino d'India

Ion de la Riva

“Per 2000 anni con Adriano, Trojano o Seneca, con personaggi come Lucia Bose o Luis Racionero, gli spagnoli non hanno avuto un lavoro di gruppo per vedere l’importanza dell’Italia”.

Le linee guida per gli insegnanti che andavano dai giornalisti ai professori universitari ai parenti degli eroi erano chiare: dovrebbero essere scritte solo tre pagine per ritratto, ma chi è interessato può cercare maggiori dettagli se necessario, inclusa una bibliografia. In occasione del 1600° anniversario della fondazione della Città dei Navigli, il libro è stato presentato a Venezia, unico grande museo dedicato allo spagnolo Mariano Fortune.

Orizzontale

Juan Ramon Masolivar era un giornalista per La Vanguardia in Italia. La sua “Guida di Roma” degli anni ’50 è una delle più importanti della città

LV

Visualizzazioni Ha anche inventato interessanti pennelli personali. Ad esempio, la scrittrice di gialli Alicia Kimines Bartlett, il padre dell’ispettore Salvo Montalbano, parla della sua relazione con il recentemente scomparso Andrea Camilleri attraverso interviste alla stampa, con cui ha condiviso l’editoriale sia in Spagna che in Italia. Voglio vedere. Tutto è iniziato quando in un’occasione ha detto che i suoi romanzi sembravano un po’ stravaganti, il che ha reso molto felice l’autore siciliano.

Fernando Sawater descrive gli ultimi giorni del filosofo Jorge Ruiz de Santiana, sepolto nel cimitero Combo Verno a Roma, e nelle sue memorie Tennessee Williams ricorda “che il saggio si ispirò alla conversazione del vecchio. Occhi limpidi e cultura cosmopolita”. L’ottantenne voleva recarsi personalmente al consolato spagnolo a Santana per rinnovare il passaporto, ma non è riuscito a riprendersi.

READ  "Leone ruggisce ancora": Alexis Sanchez, Italia in fiamme
Verticale

L’attrice Lucia Bose è una delle protagoniste del libro

Getty

Santiago Galatrava sembra aver trovato una grande ispirazione nella Città Eterna, secondo l’architetto romano Natalia Gutierrez Jorge. L’architetto valenciano ha visitato per la prima volta la capitale italiana all’età di 19 anni e in seguito è tornato più di cento volte per commissioni e conferenze professionali. Il suo primo progetto in Italia fu a Venezia, non a Roma, dove costruì il famoso Ponte de la Costituzione, che collega la stazione ferroviaria di Santa Lucia con Piazzale Roma.

Il giornalista Juan Ramon Masolivar Davanti In Italia, la cui Guida di Roma Uno dei migliori dedicati alla città dallo scopo ispanico degli anni ’50.

Santiago Calatrava ha visitato Roma per la prima volta all’età di 19 anni, per poi tornare più di cento volte per incarichi professionali e conferenze.

Ma ci sono anche grandi figure religiose come Sant’Ignazio di Loyola, ritratto dal giornalista Antonio Belo, nello stesso anno in cui i gesuiti celebrarono il 500° anniversario della battaglia di Pamplona nel 1521. O il fondatore dell’Opus Dei, Josemaría Escrivá de Balaguer. “Se vogliamo fare un lavoro duro e aperto, dobbiamo mettere da parte i pregiudizi che hanno gli accademici. Da un punto di vista politico, ho personalmente deciso che avrei avuto punti di vista assolutamente superiori”, ha detto de la Riva.

Insieme a lei, anche l’autrice Marifé Santiago Bolaños ha curato i volumi e ha cercato l’aiuto di un consulente culturale dopo aver realizzato che aveva bisogno di indagare ulteriormente sulla vita delle donne in Italia. Ora stanno lavorando a un terzo volume, che includerà più personaggi dell’America Latina con stretti legami con l’Italia, e sperano che questo tipo di set crei un precedente per altre ambasciate. Visualizzazioni, che non è aperto alla vendita al pubblico, può essere consultato all’indirizzo www.piazzadispagna.es.

READ  Prado, con la spina dorsale, soffre in Italia

Viste di Spagna, Italia e America Latina



VVAAwww.piazzadispagna.es