Il Catanzaro rimonta con l’Aprilia

Catanzaro – Aprilia 3 – 2

Il Catanzaro continua a vincere, ma con tanta sofferenza e anche un pizzico di paura, quando al terzo gol del Catanzaro, quello della vittoria, il giallorosso Angelo Surace ha accusato un malore per il quale i sanitari del Catanzaro hanno deciso di accompagnarlo al vicino ospedale “Pugliese”. Fortunatamente con il passare delle ore le sue condizioni sono apparse buone e in serata è stato dimesso. Nessuno si aspettava un avversario così spavaldo, tanto più che alla vigilia della partita era stato presentato pronto a mettere in campo un atteggiamento tattico chiuso, mentre al Catanzaro spettava il compito di fare la partita. Magari, come aveva raccomandato Cozza, senza l’ansia della squadra giallorossa di segnare subito. Ed invece l’Aprilia ha dimostrando subito di essere alla ricerca del gol. Di sicuro l’approccio alla gara del Catanzaro è stato morbido, ma non è che forse i giocatori giallorossi non hanno smaltito l’euforia dell’exploit di Perugia? Ma comunque i giallorossi sono riusciti a portarsi in vantaggio negli ultimi minuti del primo tempo con il primo gol di Bugatti, ma non fanno in tempo ad esultare che arriva il pareggio dell’Aprilia con Criaco a distanza di appana un minuto. Poi nella ripresa è l’Aprilia ottenere il vantaggio, con un gol di Croce arrivato al 31′ che ha buttato nello sconforto la squadra giallorossa che, nonostante tutto, ci ha creduto fino alla fine. Infatti allo scadere del tempo regolamentare riescono a segnare due reti: una portata a termine dal difensore Papasidero che riporta il risultato in parità, e l’altra da Bugatti, autore di una doppietta, che porta la squadra in vantaggio. I sette minuti di recupero sono sembrati un’eternità ma l’ansia è stata ripagata dalla vittoria.