L’olimpionico Antonio Ciano tra i docenti del corso di aggiornamento dei tecnici di Judo della Calabria

VIBO VALENTIA – Ospitata nella struttura della scuola allievi agenti della Polizia di stato a Vibo Valentia, nei giorni scorsi si è svolta una due giorni di aggiornamento per i tecnici di Judo della Calabria.
Lo stage, organizzato dal maestro Enzo Failla, che presta la sua opera di istruttore proprio nella scuola di polizia sin dal 1983, e rivolto a tutti gli insegnanti appartenenti alle varie qualifiche, ha riguardato lo studio delle tecniche eseguite in piedi con prosecuzione nella lotta al suolo, il Metodo globale di autodifesa (Mga) Fijlkam (Federazione italiana judo lotta karate arti marziali), il Judo adattato nelle disabilita’ di vario genere e le innovazioni sull’arbitraggio.
Una due giorni intensa, svoltasi grazie anche al contributo della segreteria coordinata da Valentina Grippaldi, che ha visto, tra gli altri, come ospite e docente d’eccezione l’olimpionico Antonio Ciano in forza al gruppo sportivo Fiamme gialle della Guardia di finanza, e che ha impegnato i partecipanti in varie attivita’: dalle lezioni sulle nuove regole arbitrali con visione di filmati su azioni di gara svolte dal commissario regionale ufficiali di gara Gianfranco Pizzimenti, alla presentazione nel grande auditorium della scuola con il responsabile della sezione sportiva e presidente della Asd amici della Polizia Vibo Valentia, ispettore Francesco Azzoni, alla visione di un filmato sulla prevenzione e sicurezza realizzato dalla commissione nazionale Mga.
Particolarmente suggestiva, poi la lezione sul Judo adattato, svolta da Failla diventato insegnante di judo nel 1976 ed attualmente anche presidente della commissione nazionale Mga e presidente regionale della Fijlkam della Calabria, sottoscritto con analisi tecnico-scientifiche riguardante i non vedenti totali cui ha partecipato l’atleta Dima allenato dai tecnici dell’Accademia arti marziali Lamezia che ha dimostrato momenti di allenamento e di combattimento che hanno suscitato grande consenso e interesse, misti ad intense emozioni.
I corsisti, giunti da tutta la Calabria, hanno anche avuto l’opportunita’ di partecipare ad un allenamento dei Centri tecnici regionali diretto dal commissario tecnico regionale, il maestro Domenico Morrone.
La Fijlkam, l’unica riconosciuta dal Coni, infatti, prevede nel suo regolamento organico vari livelli di insegnanti tecnici: aspirante allenatore; allenatore; istruttore; maestro; maestro benemerito. Il conseguimento del primo livello viene organizzato con corsi specifici nelle varie regioni dai comitati regionali in collaborazione con la Scuola dello sport del Coni, i successivi tre livelli dalla Scuola nazionale federale a Ostia e l’ultimo viene concesso per meriti speciali dopo il compimento del 65/mo anno di età.