Moto Gp – Rossi ad Assen con una Ducati inedita: ciclistica Gp12 e motore 800cc! Ecco le novità

Il Gp d’Olanda potrebbe rappresentare la tappa della svolta per la casa di Borgo Panigale, infatti sono state annunciate importanti novità sulla che dovrebbero migliorare le attuali prestazioni della moto cavalcata da Valentino e consentire un migliore sviluppo per quella che sarà la versione utilizzabile dal prossimo . E’ stato fatto in sostanza un mix fra la Ducati di quest’anno e quella del futuro, infatti gli ingegneri della scuderia italiano hanno introdotto il motore da 800cc nella ciclistica che sarà operativa dal prossimo anno. Rossi, quindi, giovedì sarà per la prima volta in sella alla nuova creatura Ducati dopo aver testato, anche con buoni risultati, la 1000cc. Per invece ritorno in pista con l’attuale modificata soprattutto nel telaio. Insomma Valentino Rossi potrà testare l’idea per la prossima stagione, ma secondo i tecnici italiani dovrebbe avere anche degli immediati vantaggi con l’utilizzo del nuovo cambio che consente una rapida trasmissione. Nuovi anche il telaio e le carene che saranno montati sulla , così infatti è stata ribattezzata la moto a disposizione del centauro di Tavullia. Rossi è soddisfatto e fiducioso per le novità che andrà a testare in condizioni di gara, soprattutto perchè il tutto avverrà su un circuito a lui caro. Ad Assen ha infatti trionfato ben 7 volte, delle quali 5 nella classe regina.

Per il nove volte campione del mondo è importante ” fare tesoro del buon feeling e dell’esperienza su questo tracciato” poichè Assen è una delle sue piste preferite “dove ho fatto delle belle gare”. I tecnici della Ducati, quindi, sono convinti che la scelta adottata per il prossimo Gp è quella giusta visto che con la “Gp11.1 possiamo accelerare lo sviluppo della moto per il prossimo anno e – sostiene il DT Filippo –  contemporaneamente fornire ai nostri piloti una base di partenza dal potenziale più elevato per il campionato incorso”. Poi Preziosi evidenzia come ci saranno dei vantaggi fin da ora grazie all’utilizzo del “cambio di nuova generazione che rappresenterà un miglioramento già nell’immediato”. Per Rossi, dunque, nuova Ducati e nuove speranze a partire dal Gp di Assen, la voglia di cancellare gli imbarazzanti distacchi subiti nelle prime sei prove del mondiale 2011 è troppo grande e in casa Ducati le provano tutte. Rossi, in effetti ci ha abituati ad assistere a gare d tutt’altro spessore.