Pino Morabito (Associazione “San Nicola”): “Il defibrillatore della discordia”

defibrillatore

Il 9 novembre scorso l’Associazione culturale “San Nicola” ha organizzato la seconda edizione della Festa del Vino, nell’ambito della quale l’intero ricavato è servito per l’acquisto di un defibrillatore automatico da consegnare alla Guardia Medica dell’ex Comune di Sambiase che al momento è chiusa.
Da notizie certe – afferma Pino Morabito, Presidente dell’associazione – l’amministrazione comunale con a capo il sindaco Gianni Speranza, ha consegnato i locali, interamente ristrutturati, all’Asp di Catanzaro l’8 agosto scorso. A questo punto inizia la telenovela – aggiunge Morabito – poiché l’Asp dice che è il comune che non vuole riaprire, mentre il comune dice tutto il contrario. Una cosa è certa: si poteva benissimo spostare la guardia medica di Nicastro all’Ospedale invece di pagare l’affitto in via dei Mille e far ritornare a Sambiase la guardia medica dove non c’è da pagare nulla”.
In attesa di scoprire come questa situazione si evolverà, Pino Morabito si chiede a chi consegnare il defibrillatore acquistato con il ricavato della Festa del Vino. “Nonostante la collaborazione delle aziende lametine – conclude Morabito – dell’incasso della vendita dei biglietti (2mila euro) sono rimasti in cassa 1315 euro. Grazie al contributo della ditta “La Pietà” di Putrino, siamo riusciti ad arrivare a 1800 euro per l’acquisto del defribillatore”.