Vigor Lamezia fermata sul pari

Vigor Lamezia – Aversa N. 0 – 0

Non sfrutta in pieno il doppio turno casalingo la Vigor Lamezia bloccata sul nulla di fatto al “D’Ippolito” dopo due successi consecutivi. Tuttavia resta l’imbattibilità (12 risultati utili consecutivi) e alla fine il punto ottenuto serve per restare quarti in classifica sempre a due punti dalla vetta e ad un solo punto dal terzo posto. Classifica quindi che resta intatta per i biancoverdi che hanno rischiato contro l’Aversa Normanna ma al 90′ hanno sprecato il match-point con Romero. Tutto sommato quindi bisogna prendere per buono questo terzo pari casalingo che arriva dopo due vittorie consecutive. Certo, la Vigor Lamezia vista nel primo tempo non era la stessa di quella vista contro il Chieti quattro giorni prima, ma nella ripresa, scampato un altro pericolo, i biancoverdi hanno provato a vincere e la vittoria è stata solo sfiorata. Eppure l’inizio della partita non sembra al di sotto del solito da parte dei lametini. Dopo un paio di situazioni pericolose al 15′ capitan Mangiapane batte un calcio d’angolo sul quale De Luca di testa schiaccia bene ma spedisce a lato da due passi. Gli ospiti vanno vicini alla marcatura per la prima volta su una punizione del difensore Mattera (17′) ma la sfera di stampa sul palo alla sinistra del portiere vigorino, riprende Grieco che calcia a botta sicura ma Forte con i piedi salvai’ risultato. Replica la Vigor (20′) con la “solita” punizione di Mangiapane che sfiora la traversa. Seconda palla gol per gli ospiti al 35′: Marchetti sbaglia l’appoggio, recupera Letizia che entra in area, supera Forte ma si allarga troppo e la sua conclusione di sinistro si perde sull’esterno della rete. Finalmente (40′) per la Vigor si vede Mancosu: la percussione centrale con slalom gli consente di presentarsi solo davanti al portiere in posizione defilata ma al momento dibattere a rete colpisce male la sfera che termina sul fondo. Sempre Mancosu, prima del the, dal vertice sinistro del fronte d’attacco lametino colpisce al volo ma il pallone finisce un curva. Nella ripresa i ritmi non troppo alti continuano, almeno per i primi venti minuti. Al 13′ tuttavia i padroni di casa, su punizione di Mangiapane, provano a rendersi pericolosi quando Cane rimette la sfera al centro dell’area piccola raccogliendo il calcio da fermo del capitano ma la difesa degli ospiti si salva con affanno. I biancoverdi danno l’impressione di crescere quando Cane (16′) viene anticipato dal portiere. Ancora Vigor: tiro – cross di Rondinelli (20′) sul quale Gragnaniello dimostra la sua esperienza bloccando il pallone in mischia. Nel momento migliore dei lametini arriva un’altra chance per gli ospiti: Longobardi (29′) è solo davanti a Forte ma il suo palo raggio dopo aver rischiato di subire la rete e al 30′ Rondinelli crossa basso per Lattanzio che in area piccola impatta con la sfera in scivolata ma la palla va fuori di poco. L’Aversa Normamma si chiude, la Vigor insiste grazie anche ai quattro attaccanti in campo. Un minuto prima del novantesimo la rete della vittoria sembra fatta: Lattanzio, spalle alla porta, riceve palla al limite ma si fa passare la sfera sotto le gambe per liberare in area tutto solo l’accorrente Romero il quale, prende la mira ma il suo rasoterra in diagonale si perde a lato clamorosamente. La storia della gara finisce quì nonostante i quattro minuti di recupero.