Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sta per nascere il più grande accordo di libero scambio al mondo

Il 1 gennaio di quest’anno segnerà la nascita del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), accanto al quale altri blocchi regionali come Stati Uniti, Messico, Canada e Unione Europea (UE) sembreranno piccoli.

Basti pensare che i 15 firmatari rappresentano circa il 30 per cento del PIL mondiale e all’incirca la stessa proporzione della popolazione mondiale, tutti determinati a liberalizzare il commercio mondiale e ad eludere le fin troppo comuni politiche protezionistiche.

In effetti, qualsiasi FTA a cui partecipa la Cina apre gli occhi, ma questo accordo include anche economie potenti come Giappone, Australia, Nuova Zelanda e Corea del Sud (l’unica ratifica in sospeso, ma lo farà ad aprile).

Lo completano i dieci paesi membri dell’Associazione delle Nazioni del Sudest Asiatico (ASEAN): Brunei, Cambogia, Filippine, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar, Singapore, Thailandia e Vietnam.

grande assenza

La forza dell’accordo potrebbe essere maggiore, ma al momento della sua firma (novembre 2020), l’India ha rifiutato, sostenendo di non garantire un equilibrio commerciale bilanciato. Nuova Delhi ha anche chiesto un maggiore accesso al mercato per beni e servizi e la protezione delle sue aziende da pratiche sleali.

L’altro grande assente in questo nuovo quadro integrativo sono gli Stati Uniti, che si sono ritirati dai negoziati poco dopo l’insediamento di Donald Trump (2017 – gennaio 2021), in uno dei primi passi della loro controversa politica “America First”.

Secondo gli analisti, la decisione è stata un grosso errore perché Washington ha servito a Pechino un importante vantaggio geopolitico nella regione Asia-Pacifico, oltre a perdere spazio per dirimere il conflitto commerciale tra i due Paesi o possibili disaccordi con altri Paesi.

Ritengono inoltre che, sebbene i benefici del RCEP non appariranno dall’inizio, sarà un “vaccino” appropriato per le economie membri, che sono colpite in misura maggiore o minore dalla pandemia di Covid-19.

READ  domenica 22 maggio 2022 (18:00 GMT)

Alcuni non escludono che il presidente Joe Biden riconsidererà la decisione del suo predecessore e ad un certo punto riporterà gli Stati Uniti al tavolo dei negoziati. Hanno notato che l’India potrebbe fare lo stesso.

Centro di gravità del commercio mondiale

Attualmente, l’accordo di libero scambio USA-Canada-Messico rappresenta il 28% del commercio mondiale; 17,9 per cento UE; Trattato continentale africano 2,9 per cento; e MERCOSUR 2,4%.

L’RCEP rappresenterà circa il 33%, ma uno studio della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (Unctad) ha concluso che questa quota aumenterà gradualmente.

Fin dall’inizio, il trattato fisserebbe regole comuni sul commercio tradizionale ed elettronico, sugli investimenti e sulla proprietà intellettuale e, 20 anni dopo la sua entrata in vigore, eliminerebbe il 90% delle tariffe sulle importazioni comuni.

I firmatari hanno preferito allontanarsi da quei settori del quadro di liberalizzazione ritenuti strategici, come l’agricoltura e l’industria automobilistica.

Secondo Unctad, RCEP aiuterà anche i suoi partner ad affrontare meglio le potenziali crisi economiche, compresa quella causata dalla pandemia di Covid-19, la cui durata rimane un mistero.

In termini di vantaggi per l’uno o per l’altro, gli esperti ritengono che in assenza di Stati Uniti e India, i maggiori beneficiari sarebbero Cina, Giappone e Corea del Sud, sia come le maggiori economie del blocco sia perché più in forma . Un sito per sfruttare il mercato liberalizzato.

Alcuni credono che RCEP impiegherà molto tempo per mostrare i suoi benefici, ma ciò che tutti concordano è che il 1 gennaio segnerà un prima e un dopo nel business internazionale.

arp / asg

Corrispondente di Prensa Latina in Vietnam